Ritorno in classe, alcuni studenti del liceo “Righi” di Bologna: “Avrei preferito tornare il 25 gennaio”

Stampa

Tornano in classe gli studenti dell’Emilia Romagna ma alcuni del liceo Righi di Bologna avrebbero preferito aspettare ancora un po’.

Mascherina sul viso, in piccoli gruppetti aspettano di varcare il ‘voltone’ del liceo scientifico Augusto Righi di Bologna dopo settimane di didattica a distanza.

Le entrate sono scaglionate. E i giorni in classe sono a rotazione. Tre in presenza ed altrettanti in Dad. La voglia e la curiosità di rivedere insegnanti e compagni di classe non manca. Ma l’emozione per il primo suono della campanella non cancella la paura del virus. Anzi.

Nel ‘debutto’ della didattica in presenza, in Emilia Romagna – il ritorno è previsto al 50 per cento – diversi studenti dello storico liceo bolognese, sarebbero rimasti volentieri a casa. I più prudenti sono gli alunni delle ultime classi. “Avrei preferito tornare il 25 gennaio”.

Riapertura scuole superiori, al via per oltre 640 mila studenti. La situazione regione per regione

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione