Ritorno in classe a settembre, Serafini (Snals): “Inutile avere più spazi se poi non ci sono gli insegnanti. Giusto tenere la mascherina per precauzione”

Stampa

L’anno scolastico sta per concludersi con la fine degli esami di Stato e già, ovviamente si pensa al prossimo anno scolastico: c’è molto ottimismo per la ripresa delle lezioni a settembre, rispetto alla scorsa estate. Ma i nodi non mancano. Anche Elvira Serafini, dello Snals, ha sottolineato propio i punti dolenti.

Prima di tutto le mascherine in classe: vanno tenute, si o no? Il prossimo anno vanno tenute, perchè i più piccoli non sono vaccinati e anche i ragazzi delle medie e delle superiori lo saranno ma non in grande numero e dunque la mascherina “è una precauzione per evitare di portare in giro il virus anche se tenerla per tante ore crea grossi fastidi” a tutti. A dirlo all’ANSA è Elvira Serafini che guida lo Snals.

Per quanto riguarda invece i protocolli per la sicurezza in vista di settembre, Serafini spiega che al momento “non abbiamo avuto indicazioni nuove, non ci sono presupposti per ipotizzare aggiornamenti del protocollo per l’anno scolastico 2021-2022 rispetto a quello dello scorso anno, almeno al momento“.

Facendo un bilancio del lavoro fatto nelle scuole Serafini spiega che “Non si è cambiato nulla, gli spazi piu o meno sono rimasti come erano non ci sono stati grandi cambiamenti anche se si è iniziato a lavorare sull’edilizia scolastica“.

Serafini dice inoltre: “Ci è dispiaciuto molto – dice – che per creare nuove aule sono stati spesso sacrificati i laboratori e le biblioteche o parti delle palestre. E poi siamo delusi perchè l’organico è rimasto quello che era: inutile avere spazi se poi non ci sono gli insegnanti”.

E per il prossimo anno non è stato confermato l’orgnico Covid: “chiedevamo l’unificazione dei tre organici di fatto, di diritto e Covid: ci ritroviamo con un organico Covid neppure confermato“, conclude la segretaria dello Snals.

Inizio scuola 2021, mascherine per gli studenti e distanza di un metro: i nodi da sciogliere del governo

Allo stato attuale, la situazione per il prossimo anno scolastico dovrebbe essere vedere una probabile conferma per le mascherine per studenti e docenti e la distanza di almeno un metro.

Il governo, nelle prossime settimane, varerà un nuovo protocollo di sicurezza per la riapertura delle scuole a settembre alla luce del quadro epidemiologico. Fondamentale, inoltre, sarà anche l’opera di tracciamento: sui test salivari non c’è ancora una decisione definitiva.

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti