Ritorno in classe, a Modena baby supplenti per sostituire i docenti positivi al Covid

WhatsApp
Telegram

Situazione complicata a Modena dove le scuole sono in affanno a causa delle assenze dei docenti. L’ultimo caso limite, segnala il Resto del Carlino, riguarda una scuola di Carpi dove per una supplenza è stato chiamato un giovane 19enne di Modena alla sua prima esperienza di insegnamento in una scuola, iscritto al primo anno del corso di laurea in Lettere moderne all’università di Bologna.

A segnalare il fatto è il segretario del sindacato scuola Flc Cgil Modena Claudio Riso: “Sono numerosi i casi analoghi. Già a fine settembre molte scuole primarie e dell’infanzia hanno iniziato a chiamare come supplenti giovanissimi studenti del secondo e terzo anno di Scienze della formazione primaria (tradotto: personale di buona volontà ma che non ha il titolo per insegnare)”.

Riso poi spiega: “Queste persone mandano le Mad, cioè le ’Messe a disposizione’, per cui uno (ma deve essere di una provincia differente da dove magari è inserito in una qualsiasi graduatoria) invia a un certo numero di scuole la propria disponibilità e le scuole, messe alle strette, non trovando persone cui attingere attraverso le graduatorie chiamano da ’Mad’. In qualche caso capita che si trovino persone che hanno il titolo di studio richiesto e, quindi, la formazione necessaria, ma se hanno mandato la ’Mad’ da Lecce o Reggio Calabria non vengono qui a coprire un incarico di una settimana o 15 giorni. E allora si va a chiamare un laureato in Psicologia, che non è abilitante per insegnare, o una studentessa di Scienze della formazione primaria, o un semplice diplomato”.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia ti offre il suo supporto per la Preparazione ai Concorsi scuola ed aumentare il punteggio per le graduatorie GPS