Ritorno in classe, a Bologna si va a scuola con i doppi turni: il caso dell’istituto Majorana

Sarà l’unica scuola di Bologna in cui i ragazzi faranno lezione il pomeriggio e con una carenza di aule tale (ne mancano 24 all’appello) che la didattica a distanza sarà inevitabile, mentre è volontà dell’istituto garantire didattica in presenza sempre agli alunni disabili.

I genitori degli studenti però protestano e lamentano mancanze di risposte già pregresse all’emergenza sanitaria del nuovo coronavirus.

Il caso, segnalato dal Corriere di Bologna, riguarda l’Istituto Majorana di San Lazzaro.

I genitori si riuniranno per decidere le iniziative da intraprendere ma nel frattempo hanno già scritto al preside Sergio Pagani, all’Ufficio scolastico regionale, al presidente della Regione Stefano Bonaccini e al sindaco della Città metropolitana Virginio Merola per chiedere conto “dell’assenza di informazioni, delle decisioni non prese, dell’indifferenza mostrata: segnali pessimi – affermano – che vengono dati ai nostri ragazzi e che evidenziano una totale disorganizzazione e mancanza di comunicazione tra le parti coinvolte”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia