Ritorno con classi divise, maturità in presenza, no concorsi per titoli. Anief: così non va, ma si può rimediare

Anief – Il giovane sindacato risponde, punto per punto, alle prospettive che attendono studenti e docenti nei prossimi mesi, appena si allenterà l’emergenza del Covid-19, toccate in queste ore dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina:

la didattica “mista” – un po’ da casa e un po’ in classe – non è praticabile, mentre sarebbe molto meglio ripartire con classi da massimo 15 alunni; il ritorno immediato nelle scuole dei bambini più piccoli, con i genitori che torneranno al lavoro, si potrà svolgere solo se attuato nella massima sicurezza; degli esami di maturità in presenza non vi è alcuna necessità, visto che l’alternativa online è già a regime da tempo in ambito universitario. Marcello Pacifico (Anief): “I sindacati vanno convocati d’urgenza sia per verificare come collocare nel nuovo contratto gli impegni derivanti dalla DaD, sia per definire assieme una procedura concorsuale snella, senza prove, che porti in ruolo le decine di migliaia di supplenti, anche Ata, con oltre 24 mesi di servizio svolto sui posti vacanti. Altrimenti, a settembre questa inerzia farà letteralmente esplodere la supplentite: il tempo per riparare ancora c’è. Altrimenti si passerà a quello dei ricorsi seriali”.

Nella ridda di ipotesi che si stanno susseguendo sulle modalità di ritorno in classe a settembre, spunta anche quella della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina: non ci saranno doppi turni, ha garantito, ma gli studenti andranno in classe alternati, metà settimana un gruppo e metà settimana l’altro gruppo.

DIDATTICA “MISTA”

In ogni caso gli studenti sarebbero sempre “collegati” da casa quando non saranno in aula. Innanzitutto la certezza è che “a settembre si deve tornare a scuola, gli studenti hanno diritto di tornare a scuola”, ha puntualizzato la ministra. Un principio che vale anche “per le scuole elementari”. Il modello dovrebbe essere uguale per tutti, con una didattica “mista”: un po’ da casa e un po’ in classe, almeno lì dove sarà possibile.

SUBITO A SCUOLA

La ministra ha anche ricordato che da domani, 4 maggio, “molti italiani torneranno a lavorare e bisognerà dare risposte immediate alle molte famiglie con bambini piccoli. Insieme al ministro Bonetti stiamo lavorando a un protocollo per far sì che piccoli gruppi di bambini, quattro o massimo cinque, possano essere seguiti. Tutto ciò in collaborazione con gli enti locali che stanno facendo la loro parte. A breve questo protocollo sarà sottoposto al Comitato tecnico-scientifico”. E i locali per accogliere i bambini potrebbero essere anche quelli scolastici.

MATURITÀ IN PRESENZA

Sull’esame di maturità la ministra non ha dubbi: si può fare di persona. Gli esami di Stato inizieranno dal 17 giugno, di persona: “Gli esami in presenza si possono fare. In ambienti molto larghi, con tutte le sicurezze del caso”. E con un “parere positivo del Comitato tecnico-scientifico si possono fare”. Gli studenti, secondo Azzolina, “hanno il diritto di guardare negli occhi di propri insegnanti quando faranno l’esame”.

PIÙ LAVORO PER I DOCENTI

Parlando del personale scolastico, Azzolina ha riposto a chi ha paventato, con la didattica “mista”, un maggiore impegno dei docenti, dovuto all’esigenza di avviare delle lezioni con classi divise in gruppi. “Togliamoci dalla testa che gli insegnanti facciano 18, 24 o 25 ore, quelle sono quelle fatte di viso con gli studenti, perché c’è tutto un tempo necessario alla preparazione delle lezioni, di correzione, di studio e di ricerca che fa parte dell’orario della classe docente”, ha puntualizzato.

CONCORSI

Sulle assunzioni ha dichiarato che “la scuola risponde al futuro del Paese, alle famiglie, agli studenti e al personale: chi in questi giorni sta dicendo che si possono fare concorsi per titoli e che da settembre si assumerebbero subito i docenti grazie a questi concorsi sta mentendo spudoratamente. Si tratta di concorsi attesi da anni. Se noi cambiassimo le norme, a settembre non assumeremmo proprio nessuno, assumeremmo solo chi è nelle graduatorie ad esaurimento e chi era nelle graduatorie dei concorsi precedenti ma non i precari che oggi chiedono di essere assunti. La politica lo deve dire chiaramente”.

LE RISPOSTE DEL SINDACATO

Anief ritiene che vi siano diversi punti, enunciati dalla ministra dell’Istruzione, su cui il Governo farebbe bene a cambiare direzione. E l’occasione per farlo c’è ancora, visto che da martedì in commissione Cultura al Senato entrerà nel vivo la verifica degli emendamenti, alcune decine dei quali presentati da Anief, al testo del Decreto Legge n. 22 sulla scuola.

A proposito del rientro in classe a settembre, Anief conferma la sua linea contraria alla didattica “mista”: il gruppo-classe deve rimanere unito, svolgendo attività formativa nella sua interezza. Anche perché perdurando la didattica a distanza, si continuerebbero a danneggiare i tanti alunni estromesso a causa del problema del digital divide. Allora, se proprio non sarà possibile ospitare nelle aule tutto il gruppo di studenti iscritti, l’unica soluzione possibile rimane quella di partire da subito con classi riformulate da non oltre 15 alunni, come ha chiesto il giovane sindacato ai senatori della VII commissione. Ma anche come ha da tempo professato e tentato di fare approvare, con un disegno di legge, la stessa ministra Lucia Azzolina, ferma sostenitrice delle classi con numeri contenuti di alunni e della necessità di cancellare le classi pollaio.

Sulla necessità di dare una risposta a tanti cittadini con bambini piccoli che domani torneranno a lavorare, il sindacato ritiene che sia doveroso che il Governo si faccia carico del problema, ma dovrà trovare comunque una soluzione che permetta di non mettere a repentaglio la salute dei bambini e degli educatori che provvederanno ad accoglierli: accelerare il rientro, in condizioni di mancata sicurezza per continuare a prevenire il contagio del Coronavirus, rischia di vanificare la tendenza al ribasso della curva di contagio e quanto di buono fatto oggi in tantissime regioni e province, dove il numero di contagiati risulta lieve.

Una posizione simile riguarda anche l’esame di maturità che il ministero dell’Istruzione vorrebbe fare in presenza: perché si deve forzatamente allestire il colloquio dell’Esame di Stato a scuola, dal momento che abbiamo la possibilità si svolgerlo in modalità telematica, come avviene sistematicamente da anni per le università, non solo online, e anche per le sedute di laurea che necessitano della presenza dei numerosi professori che compongono le commissioni?

Necessita poi dei chiarimenti immediati, con convocazione immediata dei sindacati, la sempre più possibile introduzione della didattica “mista” da introdurre a settembre, perché a nostro avviso l’impegno lavorativo del corpo insegnanti potrebbe subire un’ulteriore impennata, dopo che già negli ultimi 60 giorni abbiamo assistito ad una maggiorazione del lavoro preparatorio delle lezioni, nonché di verifica finale degli elaborati e di tutoring individuale con modalità interattiva sincrona ed asincrona.

Come sarebbe il caso di convocare le organizzazioni sindacali per dirimere una volta per tutte le polemiche sui concorsi: poiché è assodato che la strada delle procedure ordinarie e straordinarie in atto porterà nella migliore delle ipotesi a coprire a settembre solo una parte dei posti liberi nella scuola secondaria, è evidente che bisogna introdurre delle procedure snelle, senza prove, che incrementino la platea dei precari da stabilizzare.

“Come Anief – dice il suo presidente Marcello Pacifico – riteniamo che vi sia ancora tutto il tempo possibile per organizzare una procedura concorsuale che non comporti prove, peraltro inibite dallo stesso Governo per via dell’emergenza Covid-19, ma si basi sulla valutazione dei titoli e dei servizi svolti dal personale. In caso contrario, oltre a ritrovarci a settembre con una quantità mai vista di supplenze da coprire, molte delle quali tramite Mad, lo Stato dovrà anche fare i conti con un’ondata di ricorsi”.

Sui concorsi, il sindacato ribadisce, dunque, l’esigenza di avviare una procedura d’urgenza per titoli, rivolta a docenti e a tutto il personale scolastico, anche Ata, Dsga, educatori, docenti di religione cattolica e tanti altri, che ha svolto almeno 24 mesi di servizio da precario. Allo stesso tempo è necessario aggiornare le graduatorie d’istituto, come è sempre più importante spostare oltre 50 mila posti in deroga di sostegno in organico di diritto.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia