Ritorno a scuola, Toccafondi (IV): “Il Governo dia il via libera ai test salivari”

Stampa

“Dopo un anno di dad, davanti ad un video, non sprechiamo le riaperture delle superiori e dell’unica vera scuola ovvero quella in presenza”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia viva in commissione Cultura alla Camera.

Per non sprecarla – continua – presidi e docenti devono chiedere che l’attività scolastica torni in presenza. Per creare le condizioni perché questo accada, considerato che non tutte le classi hanno spazi adeguati per ospitare il 100% dei ragazzi, è fondamentale fidarsi dei dirigenti e dell’autonomia scolastica. Il governo, da parte sua, dia il via libera ai test salivari e organizzi una campagna di test disponibili ogni settimana per le famiglie“.

Il punto debole di questa strategia – aggiunge Toccafondi – è, come abbiamo purtroppo verificato in questo anno è, soprattutto nelle città, il piano dei trasporti pubblici. Per evitare di congestionare i mezzi pubblici, le scuole possono scaglionare entrate e uscite, anche nell’arco di due ore, ma ogni comune deve fare la sua parte“.

Ora – conclude – bisogna lavorare tutti, non solo la scuola, per consentire un ritorno stabile alla scuola in presenza. Dopo un anno i ragazzi hanno bisogno di relazioni, rapporti e quindi di terminare l’anno in presenza“.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur