Ritorno a scuola, Salmaso: “Screening con test salivari per gli studenti contro i focolai. Fondamentale vaccino per gli insegnanti”

Stampa

Per i ragazzi che torneranno a scuola, “visto che molti non potranno essere vaccinati contro il Covid ancora, anche per questioni di tempo, vanno organizzati degli screening continui, magari con prelievi salivari, meno invasivi e che non hanno bisogno di operatori, fatti a rotazione continuamente nelle classi. Così se circola il virus si trova. Questo per identificare focolai in modo precoce”.

Lo ha detto Stefania Salmaso, epidemiologa dell’Associazione italiana di epidemiologia (Aie), ospite di ‘Agorà Estate’ su Rai3.

Questo sistema è utile anche “a dare la sensazione ai ragazzi che continuiamo a essere a rischio. Perché il problema poi non è solo quando gli studenti sono in classe, ma anche quando sono fuori“.

Per l’epidemiologa “la scuola non deve essere vista solo come punto dove si diffondono le infezioni, ma deve diventare il filtro attraverso il quale si riescono ad identificare le infezioni in queste fasce di età“.

Per quanto riguarda gli insegnati, l’eventuale obbligo di vaccino “si può discutere, perché si tratterebbe di una norma. Ma è fondamentale che gli insegnanti si vaccinino contro il Covid“, ha concluso Salmaso.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur