Ritorno a scuola non deve essere un puntiglio: nelle aule si gela, virus non è ancora sconfitto, DAD funziona in tanti casi. La parola ai lettori

Stampa

E’ giusto lasciare la scelta di frequenza delle lezioni in presenza in un periodo così complicato dal punto di vista sanitario? Lo abbiamo chiesto ai nostri lettori: ecco alcune delle risposte inviate a [email protected]

In questo caso a parlare sono due docenti

In merito all’articolo in oggetto, credo sia assolutamente giusto non obbligare nessuno, né studenti né docenti, ad andare a scuola in questo periodo: è un rischio aggiunto e non ha alcun senso parlare della riapertura delle scuole come di una ‘vittoria’ – o al contrario della chiusura come di una ‘sconfitta’ – perché l’unica vittoria cui puntare è la sconfitta del virus.

Tutto dipende dal virus e dall’andamento della pandemia: lasciare a casa gli studenti delle scuole medie e superiori è la cosa più cauta, in questo momento. E lo stesso dovrebbe valere per i docenti, costretti invece in molti casi (il mio ad esempio) a stare in classi vuote e fredde, spesso con peggiore connessione di quella che avrebbero a casa – del tutto irragionevole.

Una visione più scientifica della situazione gioverebbe a far comprendere che qui non si deve trattare del puntiglio del Ministro dell’Istruzione: si tratta del diritto alla salute, garantito dalla Costituzione, per i nostri figli e per il personale della scuola.
Tutto il resto è superficiale blaterare di chi non sa cosa significhi insegnare. Chi dice che bisogna tornare a scuola assolutamente dovrebbe essere lasciato in un’aula vuota a gelare, come siamo invece noi docenti.

Sono una docente, mamma fragile di un alunno di 2 media. Questa soluzione potrebbe essere risolutiva in questo momento. Eviterebbe sovraffollamento negli spazi chiusi dele classi e sui mezzi, e soprattutto consentirebbe a chi è  più  a rischio di cautelare la propria sicurezza in salute. Spero ardentemente possa essere applicata

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!