Ritorno a scuola Lazio, nessun posticipo: si torna il 18 gennaio. Tutte le regole [Nota Usr]

Stampa

La Regione Lazio conferma che si torna in classe il 18 alle superiori. La nota Usr Lazio ricorda tutte le indicazioni che riguardano la riapertura scuola in presenza.

La Regione Lazio, come più volte ribadito in questi giorni, da lunedì 18 gennaio sull’apertura delle scuole secondarie si atterrà alla normativa nazionale“.

Lo comunica la stessa Regione in una nota nella quale smentisce una fake news “in merito ad un ipotetico posticipo dell’apertura in presenza degli Istituti secondari della Regione“.

Nel frattempo, l’Ufficio Scolastico Regionale torna a ribadire le regole che caratterizzeranno la riapertura scuole secondarie di secondo grado, ricordo che bisognerà garantire dal 18 gennaio almeno il 50% di didattica in presenza – per tutelare il diritto all’istruzione degli studenti – senza salire oltre il 75%. Rimangono ferme le usuali eccezioni per l’inclusione scolastica e la didattica laboratoriale.

È compito di ciascuna scuola secondaria di secondo grado stabilire l’esatta percentuale di tempo-scuola in presenza, all’interno del predetto intervallo:

  • chi sceglierà di attestarsi al 50% dovrà inderogabilmente rispettare le fasce orarie di ingresso delle 8.00 e delle 10.00 di cui ai documenti adottati dai prefetti, con la sola eccezione del ridotto numero di istituzioni che hanno già ricevuto da me una deroga esplicita a fronte di situazioni di materiale impossibilità (non di mera difficoltà);
  • chi sceglierà di attestarsi sopra al 50% (55%, 60%, ecc. sino al massimo al 75%) dovrà, inoltre, organizzare l’orario su sei giorni, lasciando le classi su cinque, anche in questo caso con poche eccezioni: oltre alle scuole ebraiche e alle classi con studenti di fede ebraica che lo chiedano, sono esentate solo le scuole che hanno già ricevuto da me una deroga esplicita.

Viene ribadito, si legge sulla nota dell’Usr Lazio, che il rispetto delle fasce orarie per l’ingresso degli studenti delle 8.00 e delle 10.00 è imprescindibile, né è derogabile sulla base dell’autonomia scolastica. Imprescindibile anche il rispetto della percentuale di studenti che dovranno entrare alle ore 8.00 e alle ore 10.00, come fissata dai Prefetti.

Tutte le altre indicazioni e i chiarimenti già forniti con le numerose note susseguitesi dal 24 dicembre in poi sono confermati senza modifiche, specifica l’Usr.

LA NOTA 

Stampa

1,60 punti per il personale ATA a soli 150€, con CFI!