Ritorno a scuola, in Toscana le superiori tornano l’11 gennaio al 50% in presenza. Lo dice il presidente Giani

Stampa

In Toscana le scuole secondarie di secondo grado torneranno l’11 gennaio al 50% in presenza, ha confermato il Governatore Giani.

Abbiamo guidato il fronte delle Regioni che volevano il rientro degli studenti delle scuole superiori in presenza al 50% già il 7 gennaio. In Toscana ce lo saremmo potuti permettere per i dati pandemici migliori. Siamo rimasti sorpresi dal Consiglio dei ministri di 3 giorni fa che ha svincolato dal regime dei colori l’opportunità di rientro a scuola. Adesso, se tutto è come previsto, abbiamo scelto di ripartire l’11 e ripartiremo. Il decreto legge per sospendere il rientro il 7 gennaio è stata una decisione una tantum, non credo che si ripeterà“.

Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani, nel corso di una conferenza stampa per presentare la campagna della Regione che invita gli studenti a “fare la scelta giusta” per l’iscrizione alle scuole superiori.

Tutto deriva dalla situazione epidemiologica: oggi in Toscana abbiamo poco più di 400 nuovi casi su oltre 3 milioni di abitanti – ha spiegato Giani – Ci sono regioni, come il Veneto, che hanno 7/8 volte i contagiati della Toscana con una popolazione leggermente superiore. Come posso criticare Zaia per la decisione di rimandare il rientro a scuola in Veneto?“.

Il presidente Giani, infine, ha assicurato che “sui trasporti pubblici” per garantire il rientro degli studenti a scuola in sicurezza “siamo prontissimi e abbiamo seguito tutte le indicazioni arrivate dai tavoli provinciali“.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur