Ritorno a scuola classi secondaria nel 2021, Azzolina: lavoro per riportare studenti in classe quanto prima, attenzione a false dichiarazioni

Stampa

Il Ministro Azzolina smentisce alcune delle frasi a lei attribuite in un articolo di Repubblica sulla data di rientro a scuola per le classi della scuola secondaria di II grado, che in base al DPCM 3 novembre svolge didattica a distanza al 100% fino al 3 dicembre.

Queste le parole postate dal Ministro su Facebook
Stamani su “La Repubblica” mi vengono attribuite parole mai pronunciate, in riferimento alla riapertura delle scuole: “La data del 4 dicembre è troppo vicina per programmare ogni cosa”. Mai detto.
Falso anche un passaggio secondo il quale mi sarei opposta “per tutta l’estate ad un piano condiviso sui trasporti”.
Falso, infine, che “al Ministero dell’Istruzione si dà ormai per scontato che anche a dicembre tutti gli studenti resteranno a casa”.
L’unica cosa per me scontata è che siano tutti d’accordo, e che tutti collaborino, per riportare quanto prima in classe studentesse e studenti che al momento stanno facendo didattica digitale a distanza.
Io sto lavorando per questo.
L’impegno dunque è quello di riportare quanto prima gli studenti in classe.
Le scuole che avevano scelto la DDI come modalità complementare a quella in presenza potranno naturalmente proseguire o altre potrebbero aggiungersi  o scegliere nuove modalità in presenza.
Molto dipenderà dal nodo trasporti e orario, per i quali non è dato sapere ancora nulla. Mancano infatti quasi parecchi giorni al 3 dicembre e la situazione viene monitorata costantemente.
Queste le parole del Ministro riportate oggi su Repubblica

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite