Ritorno a scuola, Azzolina: “Le scuole sono sicure e non sono responsabili della seconda ondata covid. Lo ha confermato il Cts”

Stampa

Lucia Azzolina, tramite la sua pagina Facebook insiste: le scuole non sono luoghi di alto contagio e devono essere aperte, come ha prescritto il Comitato Tecnico Scientifico al termine della riunione del 29 dicembre.

Nella riunione di ieri il Comitato tecnico-scientifico ha analizzato l’ultimo report sulle scuole realizzato dal Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), massima autorità sanitaria europea“, scrive ve Azzolina.
Quel documento conferma sostanzialmente due cose:
1) la scuola non è stata responsabile della seconda ondata.
2) La sospensione delle attività didattiche in presenza deve essere limitata e temporanea perché l’impatto negativo sulla salute fisica, mentale ed educativa dei ragazzi supera i benefici“.

Azzolina conclude: “la conclusione del Cts è stata chiara: “Le scuole superiori vanno riaperte anche in considerazione delle ultime valutazioni dell’Unione europea, secondo cui gli istituti scolastici non costituiscono un luogo pericoloso per il contagio

Covid, docenti non più a rischio di altre professioni. La scuola non ha contributo alla seconda ondata: lo studio europeo

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur