Ritorno a scuola 0-6 anni: considerare presenza di “soggetti fragili” al rientro dei bambini. Ruolo del medico competente

Rientro a scuola fascia 0-6 anni: la figura del medico competente nel protocollo di sicurezza sottoscritto tra ministero e sindacati per garantire la ripresa delle attività in presenza.

Il Medico competente collabora con il Datore di lavoro e con il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) nell’integrare e proporre tutte le misure di regolamentazione legate al COVID-19“. E’ quanto stabilito dal documento. In particolare, cura la sorveglianza sanitaria rispettando le misure igieniche contenute nelle indicazioni del Ministero della salute.

La sorveglianza sanitaria eccezionale è assicurata:
a. attraverso il medico competente, se già nominato per la sorveglianza sanitaria ai sensi dell’articolo 41 del d.lgs. n. 81/2008;
b. attraverso un medico competente nominato ad hoc, per il periodo emergenziale, anche, ad esempio, prevedendo di consorziare più strutture educative e istituti scolastici;
c. attraverso la richiesta ai servizi territoriali dell’Inail che vi provvedono con propri medici del lavoro.

Al rientro dei bambini – specifica il protocollo – dovrà essere presa in considerazione la presenza di “soggetti fragili” esposti a un rischio potenzialmente maggiore nei confronti dell’infezione da COVID-19.
Le specifiche situazioni dei bambini in condizioni di fragilità saranno valutate in raccordo con il Dipartimento di prevenzione territoriale ed il pediatra/medico di famiglia. La famiglia è in ogni caso obbligata a rappresentare tale condizione al servizio educativo o alla scuola in forma scritta e documentata.

Scarica il documento integrale

Vedi anche

Riapertura scuole, tutti gli adempimenti necessari: documenti da scaricare, modelli, info utili. AGGIORNATO

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!