Rito natalizio in classe? A chi spetta decidere?

di redazione
ipsef

red – Le scuole si trovano sempre più in difficoltà di fronte alle tradizioni legate alla fede religiosa, dato che le classi sono sempre più multietniche e ci si trova davanti a culture e tradizioni diverse. Così, molte di esse, decidono di non dare seguito ai riti natalizi.

red – Le scuole si trovano sempre più in difficoltà di fronte alle tradizioni legate alla fede religiosa, dato che le classi sono sempre più multietniche e ci si trova davanti a culture e tradizioni diverse. Così, molte di esse, decidono di non dare seguito ai riti natalizi.

La scuola, per la costituzione, è laica, ma spesso si vive la contrapposizione tra i fautori del rispetto delle altre culture e coloro che si schierano a favore della tradizione cattolica e ritengono giusto celebrare i riti religioni anche a scuola.

Cosa fare? La decisione spetta agli organi collegiali, ma di certo è che ci troviamo davanti all’ennesimo vuoto normativo che causa confusione in un ambito in cui ci sono veloci mutamenti sociali.

Alcune scuole si sono attrezzate e hanno deciso di svolgere, ad esempio, la benedizione natalizia agli alunni al di fuori dell’orario di scuola. Le ore di lezione forse è meglio lasciarle allo studio

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare