Ritiro alunni da scuola. Fedeli: possibile la delega, ma è questione di responsabilità. Caos tra i genitori a Padova

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nei giorni scorsi, abbiamo riferito sulla sentenza della Corte di Cassazione n.21593/2017 che ha condannato il dirigente e il docente di una scuola, insieme all’ autista di un autobus, per la morte di uno studente.

Studente muore fuori da scuola, condanna per docente e dirigente. Alunni vanno consegnati ai genitori. Testo sentenza

Nella sentenza la Corte ha precisato che l’obbligo di vigilanza riguarda anche “far salire e scendere dai mezzi di trasporto davanti al portone della scuola gli alunni, compresi quelli delle scuole medie, e demandando al personale medesimo la vigilanza nel caso in cui i mezzi di trasporto ritardino”.

La sentenza ha portato alla ribalta l’annoso problema riguardante l’uscita da scuola degli studenti minorenni, che vanno consegnati ai genitori.

Al riguardo, il dirigente scolastico della scuola media Stefanini di Padova  ha comunicato che gli studenti, all’uscita da scuola, devono essere prelevati dai genitori, cosa che, dal prossimo anno scolastico, avverrà in tutte le scuole di Padova.

Sulla questione è intervenuto il Ministro Fedeli, presente sabato scorso al Festival della Statistica, come riferito da padavaoggi.it

La Fedeli ha ricordato che, nel caso in cui i genitori siano impossibilitati a prendere i figli da scuola, è possibile la delega ad altri soggetti.

E’ possibile inoltre, ha poi proseguito il Ministro, che ciascuna scuola, nell’ambito dell’autonomia e in accordo con i genitori, insegni agli studenti ad andare avanti indietro da scuola da soli, e ciò a seconda dell’ubicazione della scuola, dei percorsi da seguire per ritornare a casa e del grado si maturazione degli studenti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief