Ritardare ingresso studenti a scuola è una scura in più per fare le ore piccole la sera. Lettera

Lettera

inviata da Prof.ssa Lastella Nunzia Maria Barbara  – Egregio direttore Marco Caglieris, gli indiscutibili effetti positivi delle ore di sonno in più per gli studenti, sono già a portata di tutti, e si avrebbero con l’esercizio di una più attenta genitorialità senza apportare modifica alcuna al sistema scolastico.

Più semplicemente: se i genitori utilizzassero il buon senso e, dall’alto della loro autorevolezza  e responsabilità si preoccupassero di spegnere la sera in primis il loro cellulare per dare il buon esempio e poi, di spegnere i cellulari  dei figli per dare delle regole,  impedirebbero che gli adolescenti vadano sotto le lenzuola con i cellulari accesi, coinvolti in chat interminabili che li tengono svegli fintantoché il loro organismo non crolla… allora certo arriverebbero riposati a scuola.
Tardare l’ingresso a scuola vorrebbe dire solo creare maggior difficoltà ai genitori lavoratori nella gestione  figli minori e dare ai figli più grandi una
scusante in più per fare le ore piccole la sera.
Fintanto che si cercheranno “soluzioni alternative” all’educazione dei nostri ragazzi, non si raggiungeranno obiettivi auspicabili.
Cordiali saluti
Ingresso posticipato a scuola: studenti più sani e miglior rendimento scolastico

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia