DAD: strumento sufficiente o necessario far recuperare apprendimenti? Rivedi il dibattito su OS Tv

Stampa

Dalle 14,30 nuovo appuntamento con Orizzonte Scuola Tv. Il tema del dibattito è quello dei ristori formativi chiesti dalla Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina.

La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha annunciato che chiederà dei ristori formativi per recuperare gli apprendimenti perduti dagli studenti per l’eccessivo utilizzo della Dad: “Sarò io adesso a chiedere i ristori, i ristori formativi perché io ho bisogno di fare immediatamente dei corsi di recupero per gli studenti che sono rimasti più indietro e che non solo gli studenti della scuola superiore, io ho anche bambini della scuola primaria che sono sì a scuola, ma ci sono territori in cui sono andati un po’ meno”, ha detto Azzolina.

Si tratta di una misura che potrebbe concretizzarsi grazie al prossimo decreto ristori. Tale prospettiva ha generato senz’altro un ampio dibattito: è giusto recuperare gli apprendimenti, dopo mesi di Dad? Si dovrà pensare di farlo in estate, prolungando il calendario scolastico? Quale futuro per la Dad?

Per provare a fare chiarezza, alle ore 14,30, dibattito live in diretta su Facebook e Youtube. Intervengono alla diretta Roberto Ricci, dirigente Invalsi e responsabile dell’Area prove nazionali, Gianfranco De Simone, responsabile delle ricerche di Fondazione Agnelli, Maria Piera Ceci, giornalista di Radio 24 e Antonio Fundarò, docente e collaboratore di Orizzonte Scuola.

Conduce il giornalista di Orizzonte Scuola, Fabrizio De Angelis.

Orizzonte Scuola TV puoi vederla sullo smartphone e tablet, tramite le applicazioni di Facebook e YouTube, ma anche sulla tua Smart TV (per i principali modelli in commercio) collegandoti tramite l’app YouTube: bastano pochissimi passaggi per avere il video in diretta sul tuo schermo di casa.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

METTI MI PIACE alla pagina Facebook di Orizzonte Scuola

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione