Risorse MOF attribuite entro il 31 agosto. Pacifico (Anief): necessario lavorare affinché dal prossimo anno siano assegnate entro la fine delle attività didattiche per valorizzare le professionalità

WhatsApp
Telegram

Il ministro dell’Istruzione e del merito, Giuseppe Valditara, a proposito delle risorse MOF, ha affermato che “entro il 31 agosto saranno attribuite alle scuole”.

Come ha riportato la rivista specializzata Orizzonte Scuola, il ministro ha detto che “quest’anno la firma del contratto integrativo nazionale con cui si ripartiscono le risorse del MOF destinate al Fondo di istituto (FIS), risorse necessarie per retribuire le attività aggiuntive svolte dal personale scolastico nell’a.s. 2022/2023, è avvenuta soltanto nel mese di luglio avendo dovuto attendere, a differenza degli anni passati, la firma del Contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto, che ha rifinalizzato una quota parte proprio del MOF, oltre a dare seguito ad alcune osservazioni sollevate dal MEF conseguenti alla procedura di rinnovo del contratto nazionale in corso”.

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato rappresentativo, ha affermato che “come aveva spiegato Anief dopo l’interlocuzione con l’amministrazione nei giorni scorsi, arriva la conferma da parte del Ministro dell’istruzione e del merito: sono in arrivo risorse per le scuole entro fine agosto e pagamento a settembre degli arretrati. Per i sindacati Anief e Udir bisogna ora lavorare perché dal prossimo anno le risorse siano assegnate entro la fine delle attività didattiche per valorizzare il prezioso lavoro del personale, a partire dai collaboratori della dirigenza, dei direttori SGA e di tutte quelle figure che realizzano la progettualità della scuola autonoma. Bisogna cominciare a pensare anche al riconoscimento di middle management in vista della prossima tornata contrattuale con risorse specifiche che dovranno essere messe nelle prossime leggi di bilancio”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri