Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Riscatto laurea in costanza di contratto di lavoro, è possibile?

Stampa

La doppia contribuzione vale doppio solo nel calcolo della misura della pensione ma non per il diritto.

Il riscatto laurea, molto spesso, consente di anticipare anche di alcuni anni la pensione. Ed in questo caso diventa particolarmente conveniente visto che il suo costo viene ammortizzato in tempi brevi grazie agli anni di pensione percepiti in più. Ma non sempre il riscatto laurea è possibile. Rispondiamo ad un lettore di Orizzontescuola.it che ci scrive:

Salve ho 58 anni e 38 anni di servizio.  Ho conseguito una laurea in itinere, cioè mentre ero in attività, quindi mi venivano versati i contributi.  Volendo assumermi gli oneri già versati dallo stato ( sono un impiegato statale), potrei riscattare la laurea così da raggiungere i 41 di contributi  sperando che diventi concreta la proposta 41 per tutti? 

Riscatto laurea in itinere

uno dei vincoli imposti dal riscatto laurea (e da tutti gli altri contributi da riscatto) è che il periodo che si intende riscattare non sia già coperto da contribuzione obbligatoria. Nel suo caso, avendo conseguito la laurea mentre già era in attività e avendo il periodo coperto da contribuzione obbligatoria, non potrà per lo stesso periodo chiedere il riscatto.

In ogni caso, se anche fosse stato possibile procedere al riscatto lo stesso non l’avrebbe avvicinata alla pensione ma avrebbe contribuito solo ad aumentarne (lievemente) l’importo.

Ogni settimana di contributi, infatti, ai fini del diritto alla pensione è considerata sempre e solo come una settimana, anche se è coperta da doppia contribuzione (per intenderci, quindi, un anno coperto da contribuzione obbligatoria, se anche venisse riscattato, ai fini del diritto sarebbe sempre solo un anno e non due, anche se la contribuzione è doppia).

Quando è presente una doppia contribuzione, quindi, non aumenta il periodo di copertura contributiva ma solo l’ammontare dei contributi che concorrono alla determinazione dell’importo della pensione.

Se anche, quindi, potesse per assurdo riscattare la laurea avrebbe sempre e comunque 38 anni di contributi e non 41 anni.

 

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur