Riscatto laurea: è già possibile a basso costo. Le condizioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La possibilità di riscattare gli anni di studio ai fini del calcolo del trattamento pensionistico è argomento di queste settimane, come anche quello di rendere tale riscatto gratuito per i nati tra il 1980 e il 2000.

La novità è stata annunciata dal sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta nel corso del Forum sulla previdenza, organizzato dalla Cassa dei commercialisti ed ha suscitato ampio interesse.

Occorrerà trovare una copertura finanziaria solo per i giovani nati tra il 1980 e il 2000; renderla retroattiva infatti sarebbe troppo costoso, ha affermato Baretta. Sempre per evitare eccessivi costi allo Stato, la possibilità di riscatto sarà possibile solo per chi si laurea nei tempi stabiliti.

In realtà esiste già una legge che dà la possibilità di riscattare la laurea a basso costo: è stata introdotta nel 2008 e si può ottenere il riscatto, per di più pagato dai genitori.

Occorre fare domanda all’Inps dopo aver conseguito la laurea laureati ed è necessario non aver ancora iniziato un’attività lavorativa. Non avendo il neo laureato uno stipendio, l’Inps si affida al reddito minimale, fissato a 15.548 e la somma può essere versata in 120 rate mensili.

I contributi versati possono poi essere scaricati dalle tasse nella misura del 19% dell’importo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare