04 Agosto 2020 - Aggiornato alle 22:17

Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Riscatto laurea agevolato, reale convenienza per chi lavora da dopo il 1996

Riscatto laurea per chi ha iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995: attenzione a non perdere l’occasione della pensione anticipata contributiva.

Buongiorno sono nato nel 1971 ho cominciato a lavorare nel 1996 anno in cui ho anche conseguito la laurea. Non ho mai avuto interruzioni di lavoro da quel momento e non ho versato nessun contributo inps prima del 1996. Vorrei sapere se ho convenienza a riscattare i 4 anni di laurea con il sistema agevolato e di quanto aumenterebbe la mia pensione futura. 
Grazie

Le rispondo sinceramente che nel suo caso il riscatto laurea non converrebbe per 2 motivi principali: le permetterebbe sì, l’anticipo della pensione ma le precluderebbe l’accesso alla pensione anticipata contributiva.
Ma andiamo con ordine.

Parta dal presupposto che se il riscatto viene effettuato solo per aumentare l’assegno pensionistico allora non conviene. Riscattando 5 anni in modo agevolato si aumenterebbe al massimo la pensione di circa 100 euro al mese. La convenienza sta nell’anticipo della pensione (a cui sommare, poi, anche l’incremento dell’assegno ovviamente).

Ad oggi lei ha 49 anni e circa 24 anni di contributi. Facciamo l’ipotesi che per quando dovrà accedere alla pensione di vecchiaia saranno necessari 68 anni si età (con gli aumenti dell’età pensionabile) e che saranno necessari circa 44 anni per accedere alla pensione anticipata ordinaria. Lavorando altri 19 anni, quindi, lei maturerebbe  43 anni di contributi. Se riscatta la laurea quadriennale potrebbe lavorare ancora 16 anni, quindi, per accedere alla pensione anticipata, riuscendo ad uscire dal mondo del lavoro a 65 anni.

Ma riscattando la laurea andrebbe a collocare contributi prima del 1996, anno della sua laurea, e in questo modo perderebbe l’opportunità di fruire, in futuro della pensione anticipata contributiva che permette l’accesso alla pensione con 3 anni di anticipo rispetto all’età di vecchiaia e con soli 20 anni di contributi. In questo modo potrebbe anticipare l’uscita di 3 anni senza dover riscattare la laurea (e riscattandola e collocando contributi prima del 1996 perderebbe la possibilità di fruirne).