Riscatto laurea agevolato: quanti anni vengono calcolati per la pensione

di Lucrezia Di Dio

item-thumbnail

Quanti anni vengono calcolati per la pensione con il riscatto laurea agevolato e come influisce sullo stesso l’eventuale lavoro prima del 1996?

Salve,

Mi sono laureata ad ottobre 2002 ed ho 42 anni.
Sto valutando il riscatto agevolato del decreto 4/2019.
Ho due domande:
1) quanti anni effettivi vengono calcolati per gli anni di contribuzione, se si riscattano 4 anni? Cioè, effettivamente 4 anni da sommare a quelli fin’ ora lavorati o meno?
2) Ho fatto qualche lavoretto d’ estate, con regolare contratto (libretto di lavoro) durante le scuole superiori. Non durante l’ università. 
Si parla del requisito di non aver versato contributi prima del dicembre 1995, ma io ne avrei versati. Pochi, ma ci sono. Almeno…credo.
Ho diritto al riscatto agevolato?
E alla detrazione del 50% in dichiarazione dei redditi?

Riscatto laurea agevolato ai fini pensionistici

Con il riscatto laurea agevolato gli anni di contributi che riscatta saranno valevoli ai fini pensionistici esattamenti come quelli lavorati e li potrà, quindi, sommare al suo montante contributivo per il diritto e per la misura della pensione. Tali contributi, quindi, saranno validi al raggiungimento del requisito contributivo per l’accesso alla pensione e al calcolo dell’assegno pensionistico.

Per ogni anno riscatto, quindi, viene calcolato 1 anno effettivo di contribuzione. Se riscatta 4 anni, come pone nell’esempio, si troverà 4 anni di contributi da sommare a quelli effettivamente lavorati.

Riscatto laurea agevolato e lavoro in estate

L’eventuale presenza di contributi prima del 1996 non inficia sulla possibilità del riscatto laurea agevolato. Il 1996 resta comunque un anno cruciale per l’agevolazione ma non per la presenza o meno di contributi prima di tale data, ma per la collocazione temporale degli anni di studi da riscattare.

Con il riscatto agevolato, infatti, è possibile riscattare soltanto gli anni di studi che ricadano interamente nel calcolo contributi e, di conseguenza che si collochino dopo il 31 dicembre 1995. Se il suo periodo di studi, quindi, si colloca dopo il 31 dicembre 1995 può riscattare la durata legale dello stesso interamente con il riscatto agevolato, in alternativa potrà riscattare con lo sconto soltanto la parte del corso legale che si colloca dopo tale data .

Detrazione al 50% dell’onere del riscatto

In ogni caso, fruendo del riscatto agevolato degli anni di studio non potrebbe fruire della detrazione che, come stabilisce il decreto “è esercitata a domanda dell’assicurato o dei suoi superstiti o dei suoi parenti ed affini entro il secondo grado e l’onere è determinato in base ai criteri fissati dal comma 5 dell’articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile 1997 n.184.” (quindi a chi riscatta la laurea pagando l’onere tradizionale).

Comunque, avendo contributi versati prima del 1996 non le sarebbe spettata lo stesso. Può, in alternativa, fruire della deduzione di quanto pagato per riscattare gli anni di studio.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: