Riscatto laurea agevolato e non: validità ai fini pensionistici

di Lucrezia Di Dio

item-thumbnail

Quanto vale il riscatto laurea ai fini pensionistici, quanti anni possono essere riscattati e quanto costa il riscatto tradizionale e quello agevolato?

Salve,

Sono attualmente un dipendente di una società in Italia.
Sono nato nel 1987 e ho frequentato l’università di Pisa dal 2006 al 2012 laureandomi al corso di Ingegneria energetica triennale (in 6 anni).

Ho beneficiato delle agevolazioni fiscali, previste per coloro che presentavano dichiarazione ISEE inferiore alla soglia minima, per i primi due anni di studio durante i quali ero in pari con gli studi.

Ho successivamente pagato le tasse corrispettive allo scaglione di reddito della mia famiglia (presso cui avevo residenza e dunque stato di famiglia), anche nel periodo dei 3 anni di ritardo.

Mi sono laureato a giugno 2012 e sono stato assunto a marzo 2013.

  • Vorrei sapere se posso riscattare la laurea o anche solo parzialmente gli anni di studio,
  • quanto dovrei pagare
  • e quale sarebbe il corrispondente versato all’INPS ai fini del calcolo della pensione.

Grazie e buona giornata.

Andiamo con ordine: può riscattare solo i 3 anni di durata legale del suo corso di studio e non anche gli anni fuori corso che ha impiegato per terminare gli studi.

Può decidere comunque anche riscattare anche soltanto una parte dei 3 anni di corso di studio se lo ritiene opportuno poichè non è obbligato al riscatto totale del corso di laurea.

Avendo meno di 45 anni può fruire del riscatto agevolato della laurea al costo di 5241,30 euro per ogni anno riscattato tenendo presente che in questo caso i contributi derivanti dal riscatto le saranno utili solo al diritto della pensione ma non alla sua misura (ovvero saranno conteggiati solo nei contributi utili al raggiungimento di quelli necessari al pensionamento ma non saranno calcolati nell’assegno pensionistico). Da  considerare, poi che non per tutti il riscatto agevolato conviene e per questo la rimando alla lettura del seguente articolo: Riscatto laurea agevolato, non a tutti conviene.

In caso pensasse che il riscatto laurea agevolato non le convenisse resta la scelta del riscatto tradizionale i cui contributi derivanti sarebbero utili sia al diritto che alla misura della pensione (sarebbero calcolati anche per l’assegno pensionistico).

In questo caso il corrisponde versato all’Inps sarebbe pari a quanto versato per 3 anni di lavoro.

In ogni caso se non ha contributi versati prima del 1 gennaio 1996 le spetta anche la detrazione al 50% dell’onere pagato per il riscatto (e questo in entrambi i casi dimezzerebbe il costo) in 5 rate annuali di uguale importo.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: