Riscaldamenti già accesi nelle scuole di Roma e Foggia: impossibile riscaldarle domani mattina

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’ondata di maltempo, che sta travolgendo l’Italia, non sembra placarsi e in quei comuni, in cui continua a nevicare o si prevedono condizioni meteo a rischio, è stata disposta la chiusura delle scuole.

Il problema, se risolto nei suddetti comuni, non lo è in quelli in cui le condizioni meteo non sono tali da determinare la chiusura delle scuole.

Le temperature, infatti, sono rigide in tutta la Penisola e domani gli studenti troveranno, nonostante la regolare accensione degli impianti di riscaldamento, un ambiente tutt’altro che accogliente, considerando che i citati impianti di norma si accendono la mattina stessa.

Alcuni sindaci, in previsione di ciò, hanno deciso un’accensione straordinaria degli impianti nella giornata di oggi 8 novembre. Vedi Roma, e Foggia.

Non sappiamo se in altri comuni siano state avviate iniziative del genere, tuttavia ci appelliamo affinché lo si faccia, accendendo gli impianti sin d’ora, in modo che gli studenti domani, rientrando a scuola, non “congelino”.

Riuscire a riscaldare un’intera scuola, infatti, necessita del tempo e, considerate le temperature, non ci si riuscirà certo in un’ora/due.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione