Risarciti, con oltre due milioni di euro, 130 precari di Catanzaro del sindacato SAB

di Lalla
ipsef

SAB – Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro, dopo le varie manifestazioni estive indette da SAB in quella provincia, con sentenza milionaria, circa due milioni di euro, ha riconosciuto il diritto al risarcimento a 130 precari di Catanzaro, con il pagamento di 12 mensilità di tutti i danni subiti, ivi compresi i cosiddetti aumenti stipendiali annui che ancora non erano stati riconosciuti .

SAB – Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro, dopo le varie manifestazioni estive indette da SAB in quella provincia, con sentenza milionaria, circa due milioni di euro, ha riconosciuto il diritto al risarcimento a 130 precari di Catanzaro, con il pagamento di 12 mensilità di tutti i danni subiti, ivi compresi i cosiddetti aumenti stipendiali annui che ancora non erano stati riconosciuti .

Nel merito, la segreteria SAB di Catanzaro, con i responsabili prof. Giovanni Russo segretario, Pasquale Bagalà vice e Gianfranco Maiorino responsabile di settore, proponevano una prima serie di ricorsi di 130 precari, rappresentati e difesi in giudizio dagli avv.ti Teresa Guadagnolo e Roberto Battimelli del foro di Lamezia Terme, al fine di ottenere quanto dovuto per una corretta applicazione della normativa senza fare abuso della reiterazione dei contratti annuali stipulati quando è la stessa legge che prevede che, non si possono eccedere i 36 mesi di servizio, senza procedere dopo, alla stabilizzazione.

Una vittoria ottenuta nonostante le modifiche in materia introdotte dal cosiddetto "collegato lavoro" che non ha fatto desistere il sindacato SAB dal proseguire questa battaglia legale per la tutela del diritto al lavoro.

La segreteria generale del SAB, tramite il segretario generale prof. Francesco Sola, considera questa condanna una prima grande vittoria e dichiara di voler proseguire su questa strada per non dar tregua alle condotte lesive dei diritti dei precari della scuola da parte dell’amministrazione.

F.to Prof. Francesco Sola

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare