Ripresa delle lezioni, il Ministero pubblica un vademecum con le indicazioni ufficiali anti Covid chieste da Udir: “Adesso ogni scuola dovrà adottare il protocollo da noi suggerito”

WhatsApp
Telegram

A pochissimi giorni dal nuovo anno scolastico, arriva dal Ministero dell’Istruzione un vademecum illustrativo con le Note tecniche sulle indicazioni finalizzate a mitigare gli effetti delle infezioni da Sars-CoV-2 in ambito scolastico, nei servizi educativi e nelle scuole dell’infanzia, per l’anno scolastico 2022 -2023: il documento è riassuntivo delle indicazioni già trasmesse alle istituzioni scolastiche dallo stesso Ministero, a partire dalla Nota 1998 del 19 agosto a firma del Capo Dipartimento Versari, e delle Note tecniche pubblicate sul sito istituzionale dell’Istituto Superiore della Sanità. Sono tutte confermate le indicazioni preannunciate dal sindacato Udir e l’esigenza di realizzare un modello organizzativo in ogni istituto scolastico: è possibile chiedere il protocollo direttamente al sindacato.

Tra le disposizioni contenute nel vademecum risultano il mancato ricorso alla Didattica digitale integrata anche per gli alunni positivi al Covid, venendo meno dal 31 agosto 2022 “la normativa speciale per il contesto scolastico”. Tra coloro che risulteranno positivi al Covid è invece confermats la “misura dell’isolamento” e per il rientro a scuola è necessario il test antigenico rapido o molecolare con esito negativo, anche in centri privati. Vi sarà la possibilità di indossare la mascherina per gli alunni e il personale “fragile”, ma anche per coloro che avranno raffreddore e per tutto “il personale che ha la volontà di proteggersi con un DPI”. Inoltre, “nell’eventualità di specifiche esigenze di sanità pubblica sono previste le ulteriori misure, che potrebbero essere implementate, singole o associate, su disposizione delle autorità sanitarie per il contenimento della circolazione virale e la protezione dei lavoratori, della popolazione scolastica e delle relative famiglie qualora le condizioni epidemiologiche peggiorino”.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ha così commentato: “Le indicazioni fornite oggi dal Ministero dell’Istruzione sul Covid sono in linea con quanto annunciato a Roma nel convegno “PNRR e linee d’investimento”, organizzato da Udir con Eurosofia qualche giorno fa, il 25 agosto, alla presenza del sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso ed in collaborazione con E-Sofia. Si conferma la necessità di adottare in ogni scuola un protocollo personalizzato. Il nostro giovane sindacato della dirigenza scolastica, leader nel settore della sicurezza, mette a disposizione il suo servizio di consulenza per il protocollo da adottare”.

Come preannunciato, la segreteria Udir conferma, nell’occasione, che sosterrà i propri dirigenti scolastici iscritti con un supporto operativo fattivo: i nuovi dirigenti che vorranno associarsi riceveranno dalla segreteria istruzioni e copia del protocollo “de quo”, da sottoscrivere sin dall’inizio delle attività scolastiche oltre che un supporto costante nella gestione dei fondi PNRR compresa l’analisi delle norme in tema di appalti. Inoltre, grazie alla stretta collaborazione con Eurosofia ed E-Sofia, enti di formazione accreditati, saranno organizzati diversi corsi specifici sul PNRR che formeranno Dirigenti, Dsga e personale di segreteria oltre a fornire un servizio di consulenza specifica incentrata sullo sviluppo dei progetti ed alla consulenza per la stesura dei bandi. Maggiori informazioni potranno essere richieste scrivendo all’indirizzo mail [email protected], contattandoci allo 0917098362 – 3317713481 (anche whatsapp).

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Dal 3 ottobre un nuovo corso tecnico/pratico di Eurosofia