Ripatizione organici, Sud discriminato. Le regioni scrivono al Ministro

di redazione
ipsef

red – Campania, Basilicata, Calabria, Molise, Sardegna e Sicilia esprimono disaccordo sul modello di calcolo di riparto degli organici del personale docente e non docente del comparto scuola.

red – Campania, Basilicata, Calabria, Molise, Sardegna e Sicilia esprimono disaccordo sul modello di calcolo di riparto degli organici del personale docente e non docente del comparto scuola.

Il disaccordo è stato espresso in una lettera a firma degli assessori delle citate regioni che sottolineano la loro contrarietà al modello di ripartizione ipotizzato e che non ha avuto l’unanimità nella Commissione Istruzione della conferenza.

"Si chiede perciò – si legge nella lettera – di rivedere le decisioni assunte al fine di poter contemperare le esigenze di tutte le Regioni, nell’ottica di un modello di riparto degli organici realmente condiviso da tutti e che riesca a garantire a ogni studente di usufruire almeno dei servizi essenziali per l’istruzione e di assicurare una spesa pro capite per alunno uguale in tutta la nostra nazione."

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione