Ripartiamo dal concorso, ovvero dal merito. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Luca Gallo- Per coprire i vuoti di organico e cercare di dare una risposta vera ai precari e alle famiglie che hanno diritto ad un’ istruzione di un certo livello per i propri figli credo sia arrivata l’ ora di ripartire con i concorsi veri, come quello del 2012 e del 2016, che hanno garantito una certa meritocrazia, anche se ci sono state indubbiamente delle disomogeneita’ tra le varie commissioni in fatto di valutazione, anche nelle stesse classi di concorso.

Si bandiscano subito dei concorsi ordinari aperti ai laureati, non succede dal 2012, si ad una quota riservata ai precari che valorizzi il servizio e l’ esperienza, ma basta sanatorie, la scuola ha bisogno si di insegnanti stabili ma anche e soprattutto di insegnanti preparati.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione