Rinnovo contrattuale personale ATA, AE, FP e Infanzia, Uil Scuola Trento: basta chiacchiere, chiudere entro il 31 dicembre

WhatsApp
Telegram

Di Fiore: “Ieri UIL Scuola si è rivolta al Presidente Fugatti ed all’Assessore Bisesti. Non vogliamo nuovi incontri: basta chiacchiere al tavolo negoziale! Dobbiamo chiudere il rinnovo entro il 31 dicembre. Da gennaio si fermeranno anche gli Assistenti di Laboratorio Scolastico!”

Come già scritto, a partire dall’approvazione della finanziaria, UIL Scuola è tornata alla carica muovendosi sul Presidente di APRaN e sul Dirigente Generale del personale, dottor Luca Comper. A nulla è servito: nessuna nuova proposta! Ieri, UIL Scuola si è rivolta direttamente al decisore politico.

“In riscontro alla proposta di modifica della norma contrattuale sulle progressioni orizzontali, come già dichiarato nel corso dell’incontro negoziale avvenuto il 7 dicembre u.s. in sede APRaN, UIL Scuola non è disponibile a chiudere un accordo di rinnovo contrattuale che non ricomprenda anche un impegno sull’attribuzione delle progressioni orizzontali di carriera, maturate a partire da dicembre 2018, per il periodo 2019 – 2021.” (…) Nella serata di giovedì 22 dicembre è giunta una bozza che però non fissa i termini di quanto avevamo già negoziato. Nulla vi è scritto, in termini puntuali, sull’attribuzione delle progressioni a partire da chi le ha maturate fin dal dicembre 2018, né sulle posizioni a seguire sino al 31 dicembre 2022. Bene
invece il ricondurre “gli obblighi inerenti alla funzione” all’assenza di sanzioni disciplinari a partire dalla sospensione dal servizio; chiedo che, nel rispetto dei principi di graduazione, nell’accordo sia anche determinato il ritardato passaggio alla
posizione stipendiale successiva.”

La lettera di UIL Scuola termina chiedendo a Presidente ed Assessore di farsi parte attiva nell’avanzare un’Intesa, da sottoscrivere tempestivamente, che permetta l’attribuzione delle progressioni orizzontali maturate a partire dal 31.12.2018.
Senza una tempestiva chiusura del rinnovo, per un contratto peraltro scaduto il 31 dicembre 2021, le Scuole riapriranno a inizio gennaio sicuramente in difficoltà.

L’Amministrazione provinciale deve capire che le lavoratrici e i lavoratori non possono continuamente essere maltrattati, sviliti nel proprio ruolo e funzione. UIL Scuola: “Per queste ragioni la protesta non potrà che continuare. Di più: si intensificherà. Alle azioni di protesta del personale docente si affiancheranno le indisponibilità da parte degli Assistenti di Laboratorio Scolastico. A partire dai colleghi di area informatica”.

Astensione da ogni attività aggiuntiva, ritiro di ogni disponibilità a svolgere attività non riferibili alla parte obbligatoria del mansionario, sospensione delle attività progettuali riconosciute dal FoREG. Queste alcune proposte di protesta che sono
state avanzate dalle nostre Rappresentanze Sindacali UIL Scuola.

Di Fiore: “Ha dell’incredibile. Da due mesi si è concordato praticamente su tutto, ma lacci e lacciuoli burocratici, anzi: saurocratici, bloccano il rinnovo del CCPL per il personale ATA, AE, Formazione Professionale e Scuola Infanzia”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur