Rinnovo contrattuale, Anief vuole subito fare avere 3mila euro di arretrati e 107 euro di aumento già stanziati a un milione e mezzo di docenti e Ata: nuove risorse e norme nel nuovo contratto

WhatsApp
Telegram

“Siamo sempre più convinti che questo rinnovo contrattuale debba portare ad un accordo-ponte, che vada ad aggiornare i salari dando 3mila euro di arretrati, 107 euro di aumenti lordi medi a lavoratore. Con l’impegno del Governo a mettere nella prossima Legge di Bilancio delle risorse aggiuntive, come era stata stabilito con il Patto sulla Scuola”  di un anno fa a Palazzo Chigi, così da spianare la strada al “contratto futuro che va dal 2022 al 2024. senza dimenticare l’introduzione di nuovi livelli e profili professionali del personale Ata”.

Lo ha dichiarato oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, a commento del secondo incontro tenuto dai sindacati all’Aran sul rinnovo del Ccnl personale comparto Istruzione e Ricerca 2019-2021.

Durante l’incontro all’Aran, il giovane sindacato ha spiegato perché conviene a tutti chiudere subito la trattativa sul triennio passato con un contratto “ponte”, così da fare avere arretrati e rinnovare le tabelle economiche.

“Vogliamo che gli stipendi siano allineati all’inflazione – ha detto Marcello Pacifico in un’intervista rilasciata all’agenzia Teleborsa – perché non si possono più aspettare 40 mesi per rinnovare un contratto ed avere gli stipendi disallineati all’inflazione o, peggio, avere soltanto il 30% dell’indennità di vacanza contrattuale”.

Anief ha anche annunciato quali sono i punti su cui cambiare la normativa.

“Riteniamo – ha specificato il sindacalista autonomo – che debbano essere riscritte le regole sulla rappresentatività: si parla di democrazia e allora ogni sindacato ha il diritto a poter esercitare le sue prerogative. È poi importante rivedere le norme sul lavoro agile del personale Ata, che deve essere tutelato, senza dimenticare le importanti norme che devono essere aggiornate sulla parità di genere, e quindi sulla violenza che subiscono le donne sui luoghi di lavoro, anche con le preferenze sulla mobilità e sul congedo parentale. Non siamo d’accordo – ha concluso Pacifico – alle punizioni sul salario accessorio per le assenze nella Pubblica Amministrazione, che sono responsabilità di chi deve verificare non di chi le commette”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur