Rinnovo contratto, Snals: “Risorse del Def anche al personale della scuola”

Stampa

Il Governo ritarda ulteriormente l’emanazione degli atti di indirizzo per il rinnovo del CCNL e ciò incide pesantemente sulla tutela dei diritti e sulle attese dei lavoratori della scuola.

Per lo SNALS-Confsal sono prioritari l’adeguamento degli stipendi alla media di quelli europei e la valorizzazione di tutto il personale.

Le risorse messe a disposizione dal PNRR e quelle che provengono dalla nota di aggiornamento al documento di economia e finanza, altre decine di miliardi nel triennio 2022/24, devono certo servire agli investimenti strategici nei vari settori della vita economica e sociale ma nell’ottica del riconoscimento professionale e retributivo del personale e dei nuovi compiti e responsabilità ad esso affidati.

Lo SNALS-Confsal considera inoltre urgente estendere a tutto il personale della scuola i benefici pensionistici previsti per i lavoratori che svolgono mansioni gravose, anche in relazione alle mutate condizioni di svolgimento della professione docente, sempre più esposta a stress e rischi derivanti dall’uso delle nuove tecnologie e di internet.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!