Rinnovo contratto scuola, oltre 100 euro lordi in più per i docenti dell’Alto Adige. Firmata prima parte di accordo

WhatsApp
Telegram

Via libera al primo accordo sul contratto collettivo per l’adeguamento contrattuale del personale delle scuole statali.

Così come segnala il sito web Alto Adige Innovazione, la provincia di Bolzano e i quattro sindacati di categoria hanno siglato l’intesa. Dopo la firma odierna dell’accordo preliminare, la bozza del primo contratto sarà esaminata dall’ufficio di revisione, dalla Corte dei Conti e dalla Sezione di controllo della Corte dei Conti. Il documento verrà poi presentato alla Giunta per la sua approvazione. Una volta ottenuto il parere del Ministero dell’Istruzione a Roma, la delegazione pubblica e i sindacati di categoria degli insegnanti potranno firmare la prima parte del contratto.

Aumenti per gli insegnanti

L’aumento previsto sarà erogato dopo la pubblicazione del contratto sulla Gazzetta Ufficiale. Per gli oltre 10mila insegnanti delle scuole statali sono state negoziate tre aree: l’aumento del compenso individuale accessorio, la gestione più flessibile del premio di rendimento e una retribuzione più flessibile in favore del personale distaccato. In totale, la Provincia prevede di erogare per l’adeguamento complessivo 64,5 milioni di euro: 24,5 milioni di euro sono destinati all’attuazione del primo contratto parziale nel 2022 e 20 milioni di euro, ciascuno, per gli anni successivi 2023 e 2024.

Sul piatto del negoziato, che ha portato al primo accordo parziale sul contratto collettivo degli insegnanti delle scuole statali impiegati in provincia di Bolzano, l’aumento del compenso individuale accessorio. L’importo, che attualmente ammonta a 49,60 euro lordi al mese, sarà aumentato in modo significativo e il primo accordo parziale prevede, per gli oltre 10mila insegnanti delle scuole elementari, medie e superiori dell’Alto Adige, un importo fino a 149,00 euro lordi al mese per l’anno 2022. A partire dal 2023, il compenso sarà di 114,50 euro lordi. Tale somma aggiuntiva sarà versata in dodici rate mensili e ammonterà, in totale, a 2.383,20 euro lordi all’anno per l’anno 2022 e a 1.969,20 euro lordi, a partire dal 2023.

A partire dall’anno scolastico 2022/2023, saranno disponibili 4,9 milioni di euro l’anno per il fondo dedicato al bonus di rendimento.

Leggi anche

Rinnovo contratto scuola e aumenti stipendiali, Naddeo (Presidente ARAN): “Spero di chiudere entro il 2022”. Più poteri ai dirigenti per sanzionare? “Chiarisco” [INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur