Rinnovo contratto, Renzi: “Cercheremo di chiudere per mercoledì”

WhatsApp
Telegram

La “questione contratto”, come abbiamo riferito ieri, sembra complicarsi anche a causa della sentenza della Corte Costituzionale sui decreti attuativi della legge Madia sulla pubblica amministrazione.

Ricordiamo che la Corte Costituzionale ha evidenziato, come ha scritto Matteo Renzi nella e-news ai militanti del PD, che riguardo ai suddetti decreti è necessaria un’intesa preventiva con le Regioni e non un semplice parere.

Secondo il Premier, i rilievi della Corte possono determinare una situazione assurda, come ha spiegato lo stesso con degli esempi:  “A me sembra assurdo che per  licenziare uno dei furbetti del cartellino, che timbra e se ne va dobbiamo fare tutta questa trafila. A me sembra assurdo che per diminuire le poltrone delle aziende municipalizzate dobbiamo fare tutta questa trafila”.

Senza entrare nel merito delle affermazioni di Renzi, ciò che ci preme sottolineare è che tale situazione potrebbe ritardare il rinnovo contrattuale atteso ormai da troppi anni, in quanto la Madia stessa ha affermato che la questione contratto, proprio a causa della sentenza della Consulta, si è complicata.

Contratti PA, aumenti stipendiali 85 euro: tempi potrebbero allungarsi. Madia, la situazione si è complicata

Alla tesi sostenuta dal Ministro, però, si contrappone quelle dei sindacati, secondo cui non c’è alcun legame diretto tra sentenza della Corte Costituzionale e rinnovo dei contratti nella Pubblica Amministrazione.

Queste le parole della leader della Cgil Susanna Camusso:  “Noi chiediamo di  costruire le condizioni perché ci sia il rinnovo del contratto e non continuare a inventare ragioni che sono solo strumentali ai  fini del Referendum del 4 dicembre” e ancora “La Consulta  interviene su un principio costituzionale che va rispettato,  quello dell’intesa con le autonomie locali”. L’interpretazione di Madia “mi pare del tutto strumentale.”

A rassicurare i sindacati, però, giungono le parole Primo Ministro che, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha affermato riguardo al rinnovo contrattuale: “Cercheremo di chiudere per mercoledì, la ministra Madia è impegnata per questo”, cercheremo di trovare “un compromesso come è stato ben trovato per i metalmeccanici”.

Il Ministro della Funzione Pubblica avrà cambiato idea? Speriamo, in quanto i dipendenti pubblici sono costretti a vivere con degli stipendi del tutto inadeguati al costo della vita ed anche perché le numerose novità introdotte dalla Buona Scuola necessitano di una rinnovata disciplina contrattuale.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur