Rinnovo contratto, Di Meglio ‘avverte’ Bianchi: “Con 50 euro di aumento non si chiude, vogliamo almeno 150 euro”

WhatsApp
Telegram

“Il contratto si chiuderà quando il governo si deciderà a stanziare delle risorse sufficienti. Sono stati già chiusi altri contratti con risorse superiori. Ma con queste cifre, il contratto non si chiude”.

Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta così all’agenzia di stampa Dire la trattativa per il rinnovo del contratto dei docenti, scaduto da oltre due anni.

Di Meglio conferma alla Dire le indiscrezioni sulle cifre contenute nella bozza del testo: ai docenti spetterebbe un aumento di 90 euro lordi (50 euro netti in busta paga).

Domani mattina è in programma un incontro tra i sindacati e l’Aran, ma secondo Di Meglio la strada per l’approvazione sarà ancora lunga.

I sindacati chiedono “almeno qualcosa in più di quello che hanno preso gli statali, che hanno chiuso con 117 euro– dice Di Meglio – almeno 150 lordi, che non sono una gran cosa rispetto all’inflazione che abbiamo”. Per il coordinatore della Gilda, quindi “senza risorse il contratto non si fa”, e “non si riuscirà a chiudere entro la pausa estiva”, come auspicato invece dal ministro Patrizio Bianchi.

Rinnovo contratto scuola, niente aumento a tre cifre: in arrivo 50 euro netti al mese per i docenti

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff