Rinnovato accordo tra Rai e Ministero dell’Istruzione, Bianchi: “La ripartenza dell’Italia passa dalla scuola”

Stampa

La tv come una grande aula, al servizio di studentesse e studenti, docenti, famiglie: Rai, interpretando appieno la sua mission di Servizio Pubblico, e Ministero dell’Istruzione confermano la propria collaborazione, con una programmazione dedicata e un’offerta sempre più ricca di prodotti pensati per il mondo scuola.

Tutto verrà realizzato sui canali tv di Rai Scuola (canale 146 Dt, 133 di Tivusat e 806 di Sky), Rai Storia (canale 54), Rai 3 e – per l’offerta di Rai Ragazzi – su Rai Gulp (canale 42) e Rai YoYo (canale 43), ma anche sul portale di Rai Cultura e su RaiPlay.

L’alleanza Rai-Ministero è stata rilanciata durante il periodo di chiusura delle scuole e di sospensione delle attività in presenza per supportare la didattica a distanza. Prosegue adesso nell’ottica di continuare a fornire sempre più contenuti di qualità al mondo dell’Istruzione, anche a supporto della didattica ordinaria.

Alla conferenza stampa di presentazione dell’accordo è intervenuto anche il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, oltre all’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes.

“Ringrazio la Rai, tutte e tutti coloro che, all’interno del Ministero dell’Istruzione, si sono adoperati per stare vicino al mondo della scuola alle studentesse, agli studenti e alle famiglie con una programmazione dedicata, fin dalle prime settimane della pandemia – dichiara il Ministro Patrizio Bianchi -. Quella fra Ministero e Rai è una collaborazione preziosa, che mette al centro l’interesse comune. La rilanciamo e la rafforziamo nella convinzione che, anche dopo questa emergenza, insieme al servizio pubblico radiotelevisivo, possiamo continuare a far sì che la scuola resti al centro della vita e dell’interesse del Paese”.

“Abbiamo fatto rete, agendo da protagonisti ma insieme mettendoci al servizio della scuola, in una sfida difficilissima – dice l’Amministratore Delegato Rai Carlo Fuortese ho l’orgoglio di dire che è anche per merito del servizio pubblico radiotelevisivo se è stato possibile in qualche modo limitare la portata dei colpi che l’emergenza ha comunque inferto all’inclusione sociale, la cui difesa è tra i valori portanti di un’azienda come la Rai”.

“È dall’inizio della pandemia – dice Silvia Calandrelli, direttore di Rai Cultura – che lavoriamo fianco a fianco con il Ministero dell’Istruzione. Il nostro obiettivo come Servizio Pubblico è non lasciare nessun ragazzo indietro e fornire ai giovani gli strumenti necessari per affrontare il futuro. I programmi che realizziamo sono pensati proprio per dare la possibilità a tutti gli studenti di poter scegliere il percorso di studi più adatto a loro e a realizzare i loro sogni. Il Paese è chiamato a una nuova fase progettuale e di rilancio: credo che l’accordo strategico tra Rai e Ministero sia la miglior cornice possibile per far crescere e valorizzare al massimo tutte le straordinarie energie e potenzialità dei nostri ragazzi. Il futuro è loro e noi vogliamo aiutarli a corrergli incontro”.

“Come Rai Ragazzi – aggiunge il direttore Luca Milano ci rivolgiamo ai più giovani, fino a 14 anni e con “La Banda dei Fuoriclasse”, il programma pomeridiano in diretta di Rai Gulp, proporremo una grande novità: le discipline STEM, scienza, matematica, tecnologia, saranno al centro dell’attenzione. La Banda dei Fuoriclasse si inserisce in una offerta per ragazzi, su Rai Gulp e Rai Yoyo, ricca di contenuti formativi, dai cartoni animati, ai magazine, ai film. Il tema unificante è la consapevolezza di stare tutti sullo stesso pianeta, sulla scia dei 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030”.

PROFESSIONE FUTURO – RAI SCUOLA

La trasmissione nasce con l’intento di far conoscere meglio e promuovere l’Istruzione tecnica, professionale e gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) attraverso un racconto in 12 puntate che saranno trasmesse su Rai Scuola e pubblicate on line su RaiPlay (sottotitolate per non udenti) e sul portale web di Rai Scuola.

La formazione tecnica e professionale non è solo un volano di opportunità per i nostri giovani, ma anche un fattore di competitività per tutto il Sistema Italia.  La nuova trasmissione, fortemente voluta dal Ministero, nasce per far conoscere meglio questi indirizzi a studentesse, studenti e famiglie. Uno specifico approfondimento sarà dedicato anche agli ITS, segmento post-diploma che è in grado di formare alcune fra le figure oggi più ricercate dalle imprese. Le puntate, che andranno in onda in prima emissione tutti i mercoledì alle 15.30 su Rai Scuola, a partire dal 6 ottobre, sono centrate, in maniera equivalente, su Istituti Tecnici, Professionali e sugli ITS. Nelle trasmissioni vengono mostrati concretamente quali sono i momenti nei quali si struttura il percorso formativo: le competenze in ingresso, il curriculum, le figure di cui si compone il corpo docente, l’interazione con il mondo delle imprese, gli sbocchi occupazionali.

LABORATORI SCUOLA – RAI SCUOLA

Rai Scuola produrrà una serie di venti puntate sull’innovazione didattica illustrandone metodologie, contenuti e strumenti. L’obiettivo è quello di creare una serie di contenuti che possano essere utilizzati in un contesto di progressivo superamento dell’emergenza. I diversi temi, dieci in tutto, saranno affrontati mostrando casi concreti adattati anche ad ambiti diversi (ad esempio i diversi gradi di scuola).

LA SCUOLA IN TIVÙ – RAI SCUOLA

Prosegue nell’autunno 2021, con la ripresa dell’anno scolastico, la programmazione delle puntate de ‘La scuola in tivù’, con 50 lezioni, tutte realizzate da docenti delle scuole italiane, che porteranno ad un totale di oltre 500 le trasmissioni che Rai e Ministero dell’Istruzione hanno voluto proporre, in questi mesi, a studenti e insegnanti come supporto e integrazione delle attività didattiche, a distanza e in presenza. La messa in onda è prevista dal lunedì al venerdì, da ottobre a dicembre 2021, con un’alternanza delle nuove lezioni e la riproposizione di quelle già programmate. Ogni giorno dalle 16.30 alle 18.30 ci saranno quattro lezioni, con repliche, all’interno di fasce di programmazione che ricalcano un possibile orario scolastico e sono suddivise per ambiti disciplinari: lingue straniere (inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese, arabo); discipline scientifiche con particolare attenzione all’informatica; discipline umanistiche; discipline inerenti gli istituti tecnici, professionali e d’arte, educazione civica.

CERCASI TALENTO – RAI STORIA

Un viaggio negli ITS per raccontare un’esperienza di offerta formativa terziaria altamente professionalizzante. La formula scelta è quella della docuserie, in sei episodi da 50 minuti circa, per seguire, intrecciandone il racconto, ragazze e ragazzi che hanno deciso di intraprendere uno dei sei percorsi formativi offerti dagli Istituti Tecnici Superiori selezionati con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione. I ragazzi saranno seguiti nelle loro giornate, con riprese nel loro quotidiano scolastico e ricreativo. Saranno raccolte le loro confessioni, tra timori, ambizioni, sogni, speranze e immancabili difficoltà.

#MAESTRI, LA NUOVA EDIZIONE – RAI3 e RAI STORIA

I protagonisti del sapere: arte, scienza, letteratura, educazione civica, ma anche linguistica, educazione digitale, musica, teatro e cinema. Riparte “#maestri”, il programma di Rai Cultura realizzato per fornire strumenti didattici digitali, di supporto all’insegnamento scolastico, in onda dal lunedì al venerdì da martedì 5 ottobre, alle 15.25 su Rai3 e alle 17.50 su Rai Storia.  Una conversazione disegnata da Edoardo Camurri con protagonisti della cultura e grandi divulgatori scientifici, seguita da una lezione frontale di accademici di tutte le discipline: parlare e dar corpo all’idea che “la scuola e il sapere siano innanzitutto un esercizio di libertà”.

LA BANDA DEI FUORICLASSE – RAI GULP

Scienza e tecnologia, curiosità e innovazione, sperimentazione e assaggi di futuro, con una squadra composta da alcune delle ricercatrici e divulgatrici più affermate nel nostro Paese. “La banda dei fuoriclasse” torna in diretta dal lunedì al venerdì alle 15.30 su Rai Gulp e su RaiPlay in un’edizione rinnovata, più attenta alla contemporaneità, alla sostenibilità e all’universo delle STEM. Chimica e matematica, fisica e astronomia, informatica ed educazione tecnica e tecnologica: curiosità, nozioni e intrattenimento per accendere tutti i cervelli. Un’ora di diretta in cui il conduttore Mario Acampa e una scienziata, immersi in una scenografia completamente nuova, che richiama il mondo della tecnologia, dell’informatica e delle scienze naturali, intervistano divulgatori, lanciano contenuti video originali, vanno a caccia di nuove scoperte e nuove professioni, esplorano i confini della ricerca. Novità della stagione è proprio la presenza di cinque giovani scienziate e divulgatrici, ognuna esperta in una materia come informatica, tecnologia, fisica, ingegneria, matematica, biologia, etologia e geologia. Altra novità sarà la rubrica SuperNuova, appuntamento giornaliero con Francesca Buoninconti, giornalista e divulgatrice, che dedicherà un particolare TG scientifico a tutte le notizie più interessanti di scienza e tecnologia. Il tutto sarà arricchito dalla presenza di numerosi divulgatori e scienziati che con le loro lezioni ed esperimenti forniranno ai ragazzi approfondimenti per imparare divertendosi.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!