Ringrazio lo Stato per avermi garantito impiego e stipendio durante la pandemia, quando non pochi hanno perso il posto. Lettera

Stampa

Inviata da Daniele Orla -in mezzo a tante lamentele c’è posto per una voce positiva? Approfitto della “giornata dell’insegnante” per presentarmi: sono docente di tedesco, lingua che amo e che cerco di trasmettere con tutta la competenza e convinzione di cui sono capace.

Nel complesso ho allievi studiosi ed educati. Ringrazio lo Stato italiano di avermi dato un lavoro quando la mia precedente attività di traduttore aveva ormai i giorni contati (nessuno sembra necessitare più di questa figura, adesso siamo soppiantati da computer e smartphone); lo ringrazio altresì di avermi garantito impiego e stipendio nel periodo di pandemia, quando non pochi lavoratori del privato si sono visti ridurre orario e stipendio o addirittura hanno perso il posto.

Mi dichiaro soddisfatto. Spero non sia una colpa.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar