Rimpasto di Governo, Azzolina potrebbe restare Ministra dell’Istruzione

Stampa

In caso di rimpasto di Governo, Azzolina non risulta, al momento, fra i Ministri che dovranno fare le valigie.

La crisi Conte-Renzi può portare quasi certamente al Conte-ter: è quanto avrebbe detto un ministro dell’attuale Governo che nei prossimi giorni potrebbe anche cambiare assetto se non addirittura nome (appunto).

E nelle liste di intoccabili, sacrificabili e black-list, Lucia Azzolina potrebbe comparire proprio nelle prima, in base alle ultime indiscrezioni. Quindi, in caso di rimpasto di Governo e Conte-ter, la Ministra dell’istruzione non dovrà fare le valigie e quindi resterà al proprio posto, a guidare Viale Trastevere.

Riapertura scuole, le Regioni decidono in ordine sparso. Consiglio dei Ministri in serata per decreto con misure da adottare

Sono altri i nomi di Ministri dell’attuale esecutivo destinati ad entrare in trattativa: stando ai rumors che rimbalzano nei palazzi, Ettore Rosato -difficile che entri in squadra Matteo Renzi, più probabile che lasci spazio a un suo fedelissimo- potrebbe andare alla Difesa, mentre Lorenzo Guerini potrebbe fare le valigie per il Viminale, con un passo indietro di Luciana Lamorgese: trattandosi di un tecnico, toccare la pedina dell’Interno sarebbe meno complicato. In alterantiva, altra ipotesi che circola, Guerini potrebbe prendere la delega ai Servizi, ammesso che Conte voglia cederla.

Di Maio potrebbe essere un altro intoccabile e quindi restare agli Esteri, mentre fra i nomi più deboli si fanno spazio quelli delle ministre Nunzia Catalfo e Paola Pisano.

Oltre al fatto che torna in ‘black list’ quello della ministra dei Trasporti e alle Infrastrutture Paola De Micheli, in compagnia del Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora.

E’ chiaro che si tratta di rumors ma lo scontro negli ultimi giorni fra Conte e Italia Viva è arrivato a livelli piuttosto importanti e a questo punto il rimpasto diventa veramente una soluzione più che possibile.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio