Rimase 8 ore sotto le macerie della scuola distrutta dal terremoto: oggi Veronica fa l’insegnante

Stampa

Era il 31 ottobre di 18 anni fa quando un violento terremoto fece crollare la scuola a San Giuliano di Puglia e morirono 27 bambini con la loro maestra. Tra le macerie c’era anche Veronica D’Ascenzo, che oggi, non senza ricordi, fa l’insegnante in una scuola primaria di Roma.

Veronica rimase per otto ore sotto le macerie dopo la scossa delle 11,32 di magnitudo 6.0, ma si salvò per miracolo. Oggi, 24 anni, dopo la laurea un anno fa alla Lumsa di Roma, lavora come docente con una missione: garantire a tutti una scuola sicura.

Dodici mesi fa discuteva la tesi di laurea sulla pedagogia dell’emergenza dal titolo “Didattica e pedagogia al servizio di bambini con danno post traumatico da stress: il caso di San Giuliano di Puglia” davanti al capo della protezione civile Angelo Borrelli e l’ex capo Guido Bertolaso.

Il suo è un messaggio di cultura, d’amore e di speranza – scrive la madre, anche lei insegnante, su Facebook – nel solco della sicurezza scolastica di cui è testimonial con la vita”.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì