Le “riforme” subite dai docenti in 30 punti. Dal taglio alle cattedre alle notizie di modifica orario

Stampa

Il gruppo FaceBook "No alla legge Aprea" ha elaborato in 30 punti un elenco delle riforme che in questi anni hanno modificato l’assetto dell’istituzione scolastica italiana. Alcuni punti sono anche di forte impatto, ma ci è sembrato giusto riportarli nella forma originale.

Il gruppo FaceBook "No alla legge Aprea" ha elaborato in 30 punti un elenco delle riforme che in questi anni hanno modificato l’assetto dell’istituzione scolastica italiana. Alcuni punti sono anche di forte impatto, ma ci è sembrato giusto riportarli nella forma originale.

Eccovi l’elenco:

  1. Avete aumentato gli alunni per classe e non abbiamo detto nulla.
  2. Non ci avete rinnovato il contratto e ci siamo messi pazientemente in attesa..
  3. Non ci avete pagato gli scatti e abbiamo abbassato la testa.
  4. Avete levato ore di diritto, storia, geografia, arte, economia, latino, laboratori ecc e siamo rimasti muti.
  5. Eravate arrivati ad un passo dalla privatizzazione, ma è caduto il Governo e con esso il ddl
  6. Avete spinto al suicidio alcuni docenti precari, minando l’equilibrio psicofisico di tutti gli altri.
  7. Avete portato il Liceo Classico alla chiusura e siamo rimasti impassibili e attoniti
  8. Avete lasciato che le scuole cadessero ferendo gli alunni, talvolta mortalmente, e abbiamo pianto i ns studenti e curato le ferite
  9. Avete tagliato migliaia di cattedre, mandandoci in esubero, e abbiamo taciuto
  10. Avete tagliato il sostegno e abbiamo consolato le famiglie disperate
  11. Ci avete diffamato e bollato come docenti fannulloni, umiliandoci, e ci siamo curati il mal di fegato
  12. Avete minacciato la chiusura delle Gae e siamo rimasti increduli
  13. Avete minacciato di togliere la possibilità di lavorare in altre province e abbiamo abbozzato
  14. Avete minacciato le 36 ore a parità di stipendio, manifestammo e ci avete chiuso in un vicolo romano per menarci con i manganelli
  15. Avete detto in tv: rottamiamo e scatafasciamo la Scuola Media e non ci siamo mossi
  16. Avete minacciato il taglio di 1 anno di Scuola Superiore, protestammo, e ci avete deriso
  17. Avete fatto una bando di concorso a cattedra con dei criteri, e poi li avete cambiati dopo averlo espletato
  18. Avete ridotto all’osso le immissioni in ruolo, e abbiamo sofferto
  19. Abbiamo protestato contro l’Invalsi e ci avete sanzionato
  20. Abbiamo espresso un’opinione in collegio docenti e i ds sceriffo hanno chiamato persino i carabinieri
  21. Avevamo i sindacati dalla nostra e ci hanno svenduto
  22. Avete permesso che alunni genitori e politici si facessero beffe di noi e abbiamo sopportato
  23. Avete detto che l’egualitarismo produce guasti e minacciate la meritocrazia fascista dei diseguali
  24. Abbiamo vinto un referendum contro i finanziamenti alle scuole private e lo avete scavalcato
  25. Abbiamo discusso con voi in occasioni di pubblico confronto e ci avete insultato
  26. Ci siamo trasferiti al nord perché avete tagliato i posti di lavoro e avete minacciato la chiamata diretta
  27. Volevamo fare lo sciopero degli scrutini ma abbiamo fatto il nostro dovere per amore dei ragazzi
  28. Avete introdotto gli ispettori e ci avrete fatto perdere tempo
  29. Ci state dicendo che a settembre arriverà la sorpresa per la Scuola, secretando ingiustamente il Piano di Riforma, e attendiamo con pazienza
  30. Ma se ci userete ancora come bancomat per pagare debiti che non sono nostri, allora diventeremo ribelli smascherando tutta la vs incompetenza e ipocrisia!

D.c.A 18 agosto 2014

Gruppo FaceBook "Docenti con tro la Legge Aprea"

Stampa