Riforme: 22 febbraio tocca alla scuola. Si partirà dalle 150mila assunzioni

Stampa

Lo ha ribadito il Premier Renzi in una lettera pubblicata sul sito del Partito Democratico dove vengono date le tempistiche delle riforme che vanno da quelle costituzionali a quella della scuola.

Lo ha ribadito il Premier Renzi in una lettera pubblicata sul sito del Partito Democratico dove vengono date le tempistiche delle riforme che vanno da quelle costituzionali a quella della scuola.

Quando spetterà alla scuola?

La lettera è lunga, nonostante Renzi affermi di voler essere sintetico, gli impegni sono tanti e si va dalle riforme costituzionali, alla legge elettorale a quella sulla pubblica amministrazione, la riforma del lavoro, della giustizia e del fisco.

Ma, afferma Renzi "la vera riforma che rimette in moto l'Italia è quella che tiene insieme la sfida educativa – partendo dalla scuola (iniziate a segnarvi questa data: 22 febbraio, Roma)"

A febbraio tocca alla scuola, ci attendiamo per quel mese dunque il decreto per le assunzioni, la determinazione dell'organico funzionale, il merito per i docenti e tutto ciò che è parte integrante di quel documento che in questi mesi è circolato sotto il titolo "La Buona Scuola".

Seguici su FaceBook per le news sulle assunzioni

In prima linea non potranno che esserci le 150 mila assunzioni, quel primo capitolo che apre la riforma e ne fa il fulcro grazie ad un aumento dei docenti a disposizione che potenzierà l'offerta formativa, si occuperà delle supplenze e permetterà lo svuotamento delle graduatorie ad esaurimento, del concorso e l'avvio di un nuovo sistema di reclutamento.

Staremo a vedere se gli impegni saranno mantenuti, noi la data l'abbiamo segnata.

Tutto sulla riforma

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur