“Riformare la scuola e promuovere le risorse italiane”, la politica risponde alle sfide del mondo del lavoro al convegno di FederTerziario

WhatsApp
Telegram

Fronteggiare una situazione globale di grande incertezza rispetto al passato, innescata  dalla pandemia e alimentata dai recenti accadimenti dettati dal conflitto in corso, conduce inevitabilmente a cambiamenti epocali anche sul fronte del mercato del lavoro e quindi sul sistema della scuola e della formazione che sono filiere direttamente collegate.

Un impegno complesso da risolvere che può essere gestito a partire dalla consapevolezza, spiega Giulio Centemero, Membro VI Commissione Finanze della Camera dei Deputati, che dobbiamo “imparare a usare le nostre risorse intellettuali, finanziarie e non solo”. Un riferimento che ha accompagnato il terzo panel dell’evento, “Istruzione e Formazione leve strategiche per il mercato del lavoro” organizzato da FederTerziario all’Associazione Civita in Piazza Venezia a Roma e moderato dalla giornalista Sara Garino.

Il concetto della valorizzazione avanzato dall’onorevole Centemero si è declinato nel corso della sessione “Come la politica risponde alle nuove sfide del mercato del lavoro: dall’istruzione all’educazione all’impresa”, a partire dall’orientamento che è cruciale, rileva Marcella Gargano, Direttrice Generale delle Istituzioni della Formazione Superiore del Ministero dell’Università e della Ricerca, e quindi da potenziare “nel medio-lungo periodo anche nella fase di transizione scuola-università e anche per queste ragioni abbiamo investito delle risorse aggiuntive, pari a 250 milioni di euro in quattro anni perché riteniamo fondamentale aiutare e guidare i ragazzi nella scelta, in quanto è proprio il loro percorso di formazione, grazie anche a corsi di orientamento innovativi e pratici, a potergli fornire le giuste chance per il mondo del lavoro”.

Percorsi di formazione che vanno integrati con adeguate operazioni di promozione e di conoscenza del territorio e delle esigenze delle variegate realtà produttive che l’abitano. Come dimostrato dalle conclusioni sull’“Indagine conoscitiva del Made in Italy” approvata nei giorni scorsi senza voti contrari in Commissione: “Abbiamo ascoltato 150 associazioni – precisa Alberto Gusmeroli, Presidente X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati e pensiamo alla successiva legge sulla valorizzazione del Made in Italy perché crediamo il tema della crescita sia fondamentale e riguardi tutti, perché da lì passa anche la sostenibilità del debito pubblico”. Su questo patrimonio nazionale eccezionale vanno pertanto innestate le straordinarie risorse intellettuali e professionali che il Paese può vantare, da agevolare anche “tramite l’esaltazione delle zone territoriali e una progressiva sburocratizzazione”.

La ripresa, pertanto, riguarda tutti e si costruisce anche fornendo quegli strumenti di conoscenza finanziaria per investire in maniera consapevole: “Solo il contante fermo sui conti correnti degli italiani – conclude l’onorevole Centemero – è pari ad almeno sette volte il PNRR: dobbiamo coinvolgere i cittadini per invogliarli investire  nell’economia reale, come avviene negli altri Paesi, e allo stesso tempo fornire ai ragazzi quegli elementi che possano consentirgli, attraverso un’adeguata formazione, di determinare una via solida per diventare imprenditori”.

WhatsApp
Telegram

EUROSOFIA: Progressione dei Facenti Funzione DSGA all’area dei Funzionari ed Elevate Qualificazioni