Riforma. VII Senato, si profila sostituzione parlamentari a favore della maggioranza

WhatsApp
Telegram

Problemi di numeri per Renzi in VII Commissione cultura al Senato, tra le soluzioni quella di una sostituzione dei dissidenti.

Problemi di numeri per Renzi in VII Commissione cultura al Senato, tra le soluzioni quella di una sostituzione dei dissidenti.

In commissione, al momento, i rapporti tra maggioranza e minoranza sono di 13 a 12. Ma nei 13 della maggioranza ci sono anche Corradino Mineo e Walter Tocci, della minoranza del Partito Democatico aperta alle richieste del mondo della scuola, che, se decidessero di non votare con il resto del partito, reerebbero qualche grattacapo a Renzi.

Trattare sembrerebbe d'obbligo, ma in realtà l'alternativa potrebbe consistere nella sostituzione dei dissidenti con Senatori d'area renziana, per far pendere l'ago della bilancia più solidamente.

La minoranza DEM ha già fatto sapere che non accetterà di buon grado una eventuale sostituzione.

Ma il PD non è, a quanto pare, l'unico partito interessato alle sostituzioni. Infatti, si profila una prima sostituzione in commissione Istruzione al Senato, in vista delle votazioni, la prossima settimana, del ddl Scuola.

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, il senatore a vita Carlo Rubbia delle Autonomie, le cui posizioni sulla scuola vengono considerate non sempre affini a quelle della maggioranza, dovrebbe essere sostituito dal collega di gruppo Franco Panizza.

Le carte, evidentemente, non sono state messe tutte nel piatto, la prossima settimana dovrebbe sciogliersi anche il nodo interno al PD del quale vi daremo notizia tempestivamente.

Tutto sulla Buona scuola

Il percorso parlamentare, i commenti e le anticipazioni

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli