Riforma. UIL: si facciano coincidere reti con ambiti per assegnazione titolarità dal 2016

di redazione
ipsef

"Far coincidere le reti di scuole con gli ambiti territoriali per evitare sovrapposizioni ed eccessive procedure. In questo modo la titolarità potrebbe avvenire dal 2016 direttamente alla Rete, con maggiore facilità di assegnazione alla singola istituzione scolastica". A dirlo Massimo Di Menna, segretario Uil Scuola, in audizione al Senato sul ddl Scuola.

"Far coincidere le reti di scuole con gli ambiti territoriali per evitare sovrapposizioni ed eccessive procedure. In questo modo la titolarità potrebbe avvenire dal 2016 direttamente alla Rete, con maggiore facilità di assegnazione alla singola istituzione scolastica". A dirlo Massimo Di Menna, segretario Uil Scuola, in audizione al Senato sul ddl Scuola.

L'intervento del Segretario prosegue "Nella norma che prevede gli ambiti territoriali e l'organico dell'autonomia andrebbe precisato che le direzioni regionali definiscono anziché promuovono le reti di scuole, in modo da assicurare omogeneità e certezza di competenza, in attesa che il decreto delegato interventa nella governance".

Con la norma sui contratti a termine "il governo Renzi si fa colpevole. A nostro parere l'articolo 14 va riscritto nella direzione di quanto indicato dalla Corte europea, cioè va prevista la particolare situazione in cui sono consentiti contratti a termine oltre i 36 mesi, come nel caso di supplenze"

Tutto sulla buona scuola

Segui la diretta

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione