Riforma. Trentino, alunni giudicano prof. Modello per l’Italia? Nuovo reclutamento, chiamata diretta?

WhatsApp
Telegram

Non è la prima volta che guardiamo al Trentino per capire in che direzione andrà l’Italia per quanto riguarda le riforme scolastiche. E a volte ci abbiamo azzeccato. Chissà che non accadrà anche questa volta.

Non è la prima volta che guardiamo al Trentino per capire in che direzione andrà l’Italia per quanto riguarda le riforme scolastiche. E a volte ci abbiamo azzeccato. Chissà che non accadrà anche questa volta.

Il Trentino si è dimostrato incubatore di riforme, almeno per il settore che seguiamo, "la scuola". Il presidente, nonché assessore all’istruzione, Rossi ha incontrato il Ministro, mostrandosi disponibile a fare della sua regione una terra di sperimentazione della riforma.

Merito e stipendio

Tra le novità avviate quella sul "merito" dei docenti e il legame tra stipendio e valutazione. In Trentino è stata avviata una sperimentazione che vede tra i valori che concorrono al merito e all’aumento di stipendio anche il giudizio da parte degli studenti, ad esempio.

Non si tratta di una novità per le scuole italiane. Qualche giorno fa vi abbiamo riportato l’esperienza fatta in due licei milanesi, il Liceo classico statale Giovanni Berchet e Liceo linguistico comunale Alessandro Manzoni.

Due sperimentazioni di cui Orizzonte Scuola si è già occupata a lungo, raccogliendo i commenti, le proposte, le sollecitazioni di chi nella scuola lavora giornalmente e che ha animato un acceso dibattito. Al Berchet di Milano ci riprovano, tornano le pagelle per i prof. Di’ la tua

Adesso, in Trentino, diventa una sperimentazione ufficiale, che potrebbe essere un modello anche per l’Italia.

Reclutamento

Seguici anche su FaceBook. Lo fanno già in 140mila

L’assessore all’istruzione ha più volte vantato il merito di aver stabilizzato per l’anno scolastico 2014-2015 circa 700 precari consentendo, di fatto, la possibilità di pensare ad un nuovo sistema di reclutamento.

Argomento che, ieri, è stato oggetto di comunicazione ad una assemblea di Dirigenti organizzata dall’ANP. Riflessione che ha fatto pensare alla volontà, da parte amministrativa, di voler avviare una sperimentazione per la chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi. Ipotesi che si basa solo su "suggestioni" che richiamano titoli roboanti.

Non solo merito e reclutamento

Le sperimentazioni e le riforme del Trentino vanno, anche oltre, e riguardano la richiesta di Rossi, ad esempio, della decurtazione di un anno delle superiori, che in Italia sta sucitando numerose polemiche.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00