Riforma tecnici e professionali, Italia Viva: “Poche adesioni. Ora ministero dialoghi dopo la falsa partenza”

WhatsApp
Telegram

“Il percorso tecnologico-professionale 4+2 è andato incontro a una falsa partenza: le scuole che hanno aderito sono pochi e quindi pochi saranno gli studenti”.

Lo dicono i deputati di Italia Viva Maria Elena Boschi e Roberto Giachetti, e l’ex sottosegretario all’istruzione Gabriele Toccafondi.

La sperimentazione della filiera tecnologico-professionale 4+2 può essere uno strumento utile: le ore dei 5 anni di scuola verrebbero fatte in 4, seguiti dalla novità della specializzazione dei due anni di Its. 170 scuole in Italia che chiedono di provare a creare una classe sperimentale significa pochi studenti. Tuttavia, il numero di adesioni decisamente basso dimostra che il percorso poteva e doveva essere gestito in modo diverso, con il tempo necessario, prevedendo una discussione parlamentare vera e propria”, proseguono.

Agire in fretta e fura per avere qualcosa da dire in campagna elettorale rischia di sprecare una riforma importante nel perfezionare il collegamento del mondo della scuola con quello del lavoro. Visto che si tratta di una sperimentazione, il ministero monitori veramente e riprenda il dialogo parlamentare per non pregiudicare un’occasione per migliorare il percorso degli istituti professionali e tecnici”, concludono.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso