Riforma stipendi e valutazione. Arriva la “formation card” per prof. Scuole valutate per impatto su carriera studenti

Stampa

Mentre i sindacati "temono" una riforma degli orari e della carriera, il Governo si appresta ad una vera e propria rivoluzione della quale continuano a trapelare indiscrezioni. Eccovi l'ultima.

Mentre i sindacati "temono" una riforma degli orari e della carriera, il Governo si appresta ad una vera e propria rivoluzione della quale continuano a trapelare indiscrezioni. Eccovi l'ultima.

Abbandonato il progetto di premiare solo il 66% dei docenti solo sulla base del merito, il Governo sembra aver elaborato un sistema misto (anzianità + merito) con tetto di scatti legato alla disponibilità finanziaria.

Ma cosa sarà valutato?

Seguendo le affermazioni del Sottosegretario Faraone, (Faraone anticipa riforma stipendi: scompare 66%. Non deciderà solo il dirigente. Come valutare prof sostegno. Tutti i particolari) abbiamo ricostruito nelle linee generali cosa sarà giudicato.

Tra gli aspetti che confluiranno nel giudizio e, quindi, nella possibilità di far "scattare" il merito, c'è la formazione dei docenti e la valutazione delle competenze didattiche.

Competenze che saranno raccolte nella "formation card", termine utilizzato in occasione della presentazione da parte del Premier Renzi della riforma al Consiglio dei Ministri nella riunione del 20 febbraio.

Con molta probabilità, si tratterà di un  registro di quei crediti formativi e professionali di cui si fa menzione nel testo "La Buona scuola".  La formazione in servizio non solo sarà obbligatoria, sarà anche valutata e legata allo sviluppo della carriera.

Confermato, anche il giudizio da parte degli studenti delle scuole superiori, sarà uno dei 52 articoli del Decreto. Si tratterà di un questionario sull’aspetto reputazionale, unico e nazionale

Altra novità riguarda la valutazione delle scuole, che avverrà anche prendendo in considerazione l'impatto dell'istruzione impartita agli studenti e l'influenza che ha avuto sul proseguo degli studi e nella ricerca del lavoro. Il tutto sarà realizzato incrociando le banche dati del Ministero e dell'Inps.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur