Riforma sostegno, oggi al MIUR. UIL. No docenti per fare supplenze

WhatsApp
Telegram

Una delle "cattive prassi" contro cui il sindacato vuole proporre delle soluzioni concrete. "Gli interessi degli studenti e degli insegnanti sono coincidenti" afferma.

Una delle "cattive prassi" contro cui il sindacato vuole proporre delle soluzioni concrete. "Gli interessi degli studenti e degli insegnanti sono coincidenti" afferma.

Oggi al Ministero si è svolto un incontro con i sindacati per discutere della delega "sull'inclusione scolastica degli studenti con disabilità."

Il Ministero ha comunicato che la delega prenderà in considerazione "soprattutto la formazione del personale poiché i tempi attuali di formazione non sono sufficienti a dare risposte in positive alle disabilità più gravi."

La UIL, in particolare, ha posto il problema della ridefinizione del ruolo del docente di sostegno e il problema della continuità tra i vari segmenti scolastici, che dovrebbe trovare un segmento nella contrattazione.

La UIL ha proposto anche il superamento della titolarità provinciale della Dotazione Organica di Sostegno (DOS) nella scuola secondaria di secondo grado prevedendo,al fine di garantire la continuità, una titolarità di "rete".

Infine, ha chiesto ai rappresentanti del Miur che nelle scuole vanno eliminate definitivamente le "cattive prassi" come l'utilizzo del l'insegnante di sostegno per supplenze, fenomeno che, se non arginato, rischia di diffondersi ulteriormente con l'impossibilità da parte dei dirigenti scolastici di nominare il supplente per un giorno, come previsto dalla legge di stabilità.

WhatsApp
Telegram

TFA Sostegno VIII CICLO. La pubblicazione del decreto è imminente. Preparati con il metodo ideato da Eurosofia