Riforma sostegno, Nastrini Rossi: 10 novembre tavola rotonda dedicata

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Nastrini Rossi – Dopo le 4 tavole rotonde nelle regioni del Mezzogiorno, i Nastrini rossi riprendono da Copertino, comune del leccese, insieme all’assessore all’istruzione regionale Sebastiano Leo, la corsa ai diritti negati degli insegnanti e delle genti del Sud con un incontro incentrato tutto sul tema delle ingiustizie della legge “buona scuola” 107/’15.

Un appuntamento per parlare di inclusione scolastica e prospettive future, con un’analisi dettagliata del decreto legislativo n. 66/2017 ed i suoi effetti sugli alunni disabili e le loro famiglie.

Dopo i saluti delle autorità locali, il sindaco Sandrina Schito e il dirigente dell’istituto “Bachelet” Giuseppe Prete, interverranno anche l’assessore regionale all’istruzione Sebastiano Leo, l’ex provveditore Fabio Scrimitore, l’amministrativista Roberto Gubello, il segretario generale Cisl scuola di Lecce, Gianna Guido, e il docente di sostegno Luca Barlettano.

A moderare l’incontro la coordinatrice del movimento “nastrini rossi”, Francesca Marsico, il primo movimento in Italia a raccontare le verità nascoste dal piano straordinario assunzionale rivelatosi una nuova questione meridionale che questa volta, attraverso la “deportazione” dalle regioni del Sud al Nord di professionisti, per la maggior parte donne di 48 anni, sembra svestire di dignità, risorse e cultura il Mezzogiorno.

Appuntamento venerdì 10 novembre alle 18, 30 nell’auditorium dell’istituto superiore “Bachelet” in via Verdesca a Copertino.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare