Riforma sostegno, Fand: ripristinare tetto 20 alunni per classe

Stampa

Franco Bettoni, presidente della Fand (Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili), ha presentato alle Commissioni Cultura e Affari una serie di emendamenti relativi allo schema di decreto relativo alla
la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.

Queste le parole del Presidente, come apprendiamo dall’Ansa:

“Per noi – spiega Bettoni – è inaccettabile che le famiglie e le associazioni dei disabili vengano escluse dal percorso che  definisce le risorse necessarie per il sostegno. Rivendichiamo poi la necessità di ripristinare il numero massimo di alunni per classe a venti”.

Bettoni interviene anche sulla formazione dei futuri docenti di sostegno, relativamente alla quale la Fand propone di fornire ai futuri insegnanti anche conoscenze riguardanti le tecnologie assistive, al fine di favorire l’inclusione scolastica e facilitare l’apprendimento dei ragazzi con disabilità.

Negativo, inoltre, il giudizio sulle misure previste per assicurare la continuità didattica.

Alytra misura suggerita, tramite i suddetti emendamenti, riguarda la formazione degli educatori:

“Inoltre nel decreto 380 che riguarda i servizi per l’infanzia, il Miur sembra essersi ‘dimenticato’ di come debbano essere adeguatamente formati gli educatori; pertanto chiediamo che nel percorso formativo vengano inseriti almeno 60 Crediti Formativi Universitari sulle tematiche della disabilità specificatamente riferiti a quei primi anni di vita, come condizione indispensabile per un corretto sviluppo del bambino con disabilità” conclude.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!