Riforma sostegno, classi da max 22 alunni e docenti super-preparati con 120 crediti Universitari

Stampa

Anticipiamo le linee principali del testo approvato oggi in CdM relativamente alla riforma del sostegno scolastico.

Secondo quanto riporta il comunicato del Consiglio dei Ministri, “il decreto aggiorna, riorganizza e razionalizza i provvedimenti vigenti in materia, tenendo conto della nuova prospettiva nazionale ed internazionale dell’inclusione scolastica, riconosciuta quale identità culturale, educativa e progettuale del sistema di istruzione e formazione in Italia. Il testo chiarisce chi sono i beneficiari di specifiche misure di inclusione scolastica peculiari per i minori disabili. Viene previsto che, ove siano presenti studenti con disabilità certificate, le sezioni per la scuola dell’infanzia e le classi prime per ciascun grado di istruzione, non abbiano classi di più di ventidue alunni, fermo restando il numero minimo di alunni e studenti per classe previsto dalla normativa vigente”.

Le linee guida del decreto puntano ad una semplificazione e snellimento delle pratiche burocratiche, ad una maggiore continuità didattica e formazione del personale docente e della comunità scolastica, costruzione di un progetto di vita che coinvolgerà più attori della società che collaborano in rete.

Non sarà solo la gravità della disabilità a determinare le risposte offerte degli alunni: si cercherà di determinare in senso più ampio i loro bisogni. Insegnanti di sostegno più preparati, con l’obbligo di 120 crediti formativi universitari sull’inclusione scolastica (oggi sono 60).

Buona Scuola: via libera Consiglio Ministri a 8 deleghe, da reclutamento a sostegno a riforma 0 – 6. Cosa cambia e l”iter di approvazione

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!